Emanuele Filiberto presenta il pigiama regale

Un pigiama regale. In occasione del Pitti Uomo, è stato proprio Emanuele Filiberto di Savoia a presentare l’ultima trovata del brand Prince Tess, di cui il rampollo dell’ex Casa Reale italiana, è testimonial e collaboratore diretto di Enzo Fusco.

Una linea decisamente nobile, semplice ma al tempo stesso ben congegnata: il concetto della praticità nel quotidiano, cavallo di battaglia della linea di t-shirt presentate lo scorso anno, si riflette anche nei pigiami griffati Prince Tess. Concepiti con tessuti morbidi e piacevoli al tatto, i pigiami non vogliono rappresentare solo un mero accessorio da indossare nel letto, ma anche capo “da casa” e perché no, anche da sfoggiare fuori dalle mura domestiche.

“È un’evoluzione naturale della t-shirt, perché molte persone scelgono questo indumento per dormire”, ci ha detto il Principe Emanuele Filiberto. “In molti mi hanno detto che con le t-shirt Prince Tess si dorme benissimo. Partendo da questo presupposto, con Enzo (Fusco, ndr) ci siamo messi all’opera per realizzare una linea di pigiami, rivedendone il concetto: con questi, infatti, è possibile andare a prendere il caffè al bar la domenica mattina o mantenerli per tutto il giorno a casa. Abbiamo rivisitato la camicia da notte del nonno, ad esempio, o ripensato ad una tuta per le donne. Questo sperando che le persone dormano meglio! Il tema della collezione è l’acchiappasogni indiano: noi speriamo che le persone che sceglieranno questo pigiama dormano bene e facciano bei sogni, perché in questo momenti di incertezza, sognare è molto importante”.

Nulla di innovativo dal punto di vista stilistico, solo un concetto di indossabilità e piacevolezza ha guidato la proposta firmata Prince Tess. “L’idea nostra era di rilanciare l’idea della camicia da notte e della tuta. Le stampe riprendono le piume dell’acchiappasogni, ma anche i disegni giapponesi del diciottesimo secolo che ci sono sembrate a tema con il nostro progetto finale”.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*