,

Sufficit Animus, limited edition dedicata a D’Annunzio

Pugnale&Nyleve, marchio leader nella produzione di luci di design e consolidata realtà operante nel settore degli occhiali di lusso, caratterizzati da forme, materiali e lavorazioni esclusive, dedica, in occasione del Centenario del celebre incidente che vide vittima Gabriele d’Annunzio, un occhiale in edizione limitata e numerata di 111 esemplari. La scelta dei pezzi prodotti non è casuale. 11 è il numero principe per il Vate: da qui la decisione di produrre il Sufficit Animus in sole 111 unità.


La ricorrenza dell’incidente aereo che il 16 gennaio 1916 provocò la parziale cecità di Gabriele D’Annunzio, tanto che si soprannominò in seguito a questo avvenimento Orbo Veggente, è stata lo stimolo per onorare, con un pezzo esclusivo da collezione, la vita dell’emerito Poeta.

Eccellenza italiana, ricerca e innovazione: questi i valori che hanno guidato la Fondazione Il Vittoriale degli Italiani nella scelta di Pugnale & Nyleve tra una rosa di aziende italiane per la realizzazione del Sufficit Animus. L’occhiale da vista, dalla classica forma tonda in grado di interpretare perfettamente l’eleganza italiana di un’icona di stile come D’Annunzio, richiama il modello preferito ed indossato in vita dal Poeta.

Realizzato in acciaio e acetato e con dettagli in vera pelle, il Sufficit Animus è impreziosito da una placcatura in oro di 18 carati incisa con motivi orientali, ed è una perfetta combinazione tra il savoir faire tipico dell’artigianalità italiana e la passione di d’Annunzio verso il Sol Levante.

Inoltre, all’interno della montatura, in corrispondenza della lente destra, vi è la presenza della firma serigrafata del grande artista.

L’occhiale sarà venduto all’interno di uno speciale cofanetto che includerà inoltre un panno personalizzato con una citazione di Gabriele d’Annunzio.

A distanza di un secolo, uno speciale connubio tra moda, arte e design distilla così la memoria di un eccezionale interprete della tradizione poetica e dello stile italiano, le cui opere rimarranno immortali.

2 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*