Antares, Tonino Lamborghini ridefinisce il luxury mobile

Ricercatezza del design italiano, l’eccellenza dei materiali e avanzate caratteristiche tecniche. Si presenta così il nuovissimo Smartphone firmato da Tonino Lamborghini che, con questo prodotto mira a ridefinire il segmento del luxury mobile. Si chiama Antares e sarà disponibile in Italia da aprile 2014 (da dicembre si potrà già comprare in Cina e Russia), in edizione limitata a partire da 3000 euro: chiaramente è un prodotto che nasce con l’intento di essere esclusivo e di rendere tale chi avrà la fortuna di possederlo.

“Oggi sono orgoglioso di annunciare il lancio del nuovo smartphone Tonino Lamborghini. Antares rappresenta un nuovo segmento di mercato, che definiamo ‘Techno-Luxury’. Il nostro nuovo smatphone unisce l’eccellenza del design italiano con la massima qualità, offrendo le prestazioni e le funzionalità che ci si aspetta dal più importante accessorio della vita quotidiana. Da 30 anni realizzo accessori premium e oggi accetto una nuova sfida: offrire ai miei clienti uno smartphone dalle elevate prestazioni con design e finiture sorprendenti”, ha dichiarato Tonino Lamborghini, Presidente del Gruppo omonimo e coordinatore del Centro Stile con sede a Bologna.

Lusso e prestazioni, queste sono le caratteristiche di questo nuovissimo smartphone che, ad un design assolutamente fantastico, associa doti tecniche di grande qualità. Basato sul sistema operativo Android 4.2 Jelly Bean, vanta un processore quad-core da 1.5 GHz, una RAM da 2 GB, una memoria interna da 32 GB e uno slot per Micro SD card fino a 32 GB (inclusa), sono solo alcune delle caratteristiche che rendono Antares assolutamente competitivo sul mercato. Incorpora due fotocamere con video Full HD (1080p): una posteriore  da 13 megapixel, l’altra da 5 megapixel nella parte anteriore. Tutto questo in soli 13, 5 mm di spessore. Lo schermo da 4 pollici ad alta risoluzione è protetto dall’ormai celeberrimo vetro Gorilla Glass.

David Di Castro
@daviddicastro11

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*