Festival del Cinema di Roma: Mazda regala frammenti di Dolce Vita

518709091_ER_7681_EC9B3AB24B73EB0C8921CC1434899401

L’atmosfera delle grandi occasioni si respira in giro per Roma. All’Auditorium brillano le stelle del firmamento mondiale del grande schermo. Il Festival del Cinema di Roma, irradia con la sua luce la Città Eterna.

Tantissimi gli eventi e le manifestazioni collaterali legate a questo Festival che nel tempo sta acquisendo sempre più importanza nel panorama internazionale. Ieri, ad esempio, a Via Veneto abbiamo potuto assaporare i fasti e le sensazioni della cosiddetta Dolce Vita Felliniana. A farci rivivere tutto questo è Mazda, auto ufficiale del Festival, che con le sue automobili accompagna i divi del cinema in giro per la Capitale. E ieri ci siamo sentiti divi anche noi, mentre passeggiavamo in una calda mattinata romana lungo una delle strade più famose del mondo. Emozioni quando siamo stati condotti nel prestigioso Atelier Gattinoni, laddove abbiamo avuto modo di vedere da vicino una minima parte dell’incredibile collezione di abiti della griffe fondata da Fernanda Gattinoni, indossati dalle grandi star hollywoodiane: da Anita Ekberg a Sophia Loren, da Audrey Hepburn a Ingrid Bergman. Un susseguirsi di emozioni nel vedere quelle splendide creazioni, più vicine ad opere d’arte che a “semplici” capi d’abbigliamento.

A poche decine di metri ad attenderci in uno dei locali più celebri del pianeta, l’Harris Bar, c’era poi Rino Barillari, autentico Re dei Paparazzi, colui che con le sue foto ha contribuito ad alimentare il mito della Dolce Vita. Dalle sue labbra, un susseguirsi di racconti e storie che di fantasioso hanno ben poco.

Magia, allo stato puro. Che solo chi è appassionato di certe leggende può apprezzare e comprendere a pieno. Esclusività assoluta. Atmosfere d’altri tempi, che forse solo il cinema ormai può continuare a farci vivere ed alimentare con nuove storie. Perché tutti noi, in fin dei conti, abbiamo bisogno di continuare a sognare.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*