Food e Luxury: nasce “La Bottega Etica”

La Bottega Etica

A proposito del binomio tra settore food e luxury, sappiamo bene che oggi il vero lusso è la consapevolezza di quel che si mangia. Una gastronomia che si direziona sempre di più verso delle scelte etiche per soddisfare le richieste ancora più esigenti della sua clientela. “La Bottega Etica”, ecco come è stata delineata la nuova macelleria da FederCarni, oggi sotto la presidenza di Maurizio Arosio, durante iMeat, l’unica fiera italiana dedicata alla gastronomia e alla macelleria.

Bottega Etica dicevamo, un luogo dove tradizione, arte e passione si fondono a servizio di una proposta gastronomica sempre più attenta con il totale controllo della filiera produttiva e un occhio di riguardo ai piccoli allevatori attenti al benessere e all’alimentazione naturale per garantire un prodotto finale sano e controllato sulla tavola dei consumatori.

La tradizione è esperienza e conoscenza messa a disposizione dell’arte e della passione del settore per proporre ai consumatori alimenti che si trasformano in delizie di estetica e di gusto.

E a proposito di gusto, ci sembra evidente come anche questo vuole la sua parte e le tendenze del settore gastronomico gli danno ragione. È così che si fa spazio la macelleria gourmet: i titolari delle macellerie raccolgono la sfida di una proposta gastronomica quanto più al passo con i tempi trasformandosi in veri e propri artigiani pronti a mostrare tutta la loro abilità nelle preparazioni.

Guardare per credere: un banco delle meraviglie che si apre sotto gli occhi dei clienti, a loro la responsabilità di scegliere tra tagli sapienti e studiati e raffinate preparazioni secon- do le tradizioni regionali. E poi ancora le numerose tartare farcite con pesto, finocchi e fichi, cannoli di carne, sushi di vitello, hamburger speziati, valigini di pollo e molto altro ancora, tutto da portare a casa e poi cuocere.

La macelleria quindi diventa Bistrò per un’esperienza gourmet al completo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*