,

Fuorisalone: ecco il Cilindro di Fornasetti

"Cilindro" di Fornasetti per FuoriSalone 2017

L’Atelier Fornasetti propone nel corso del FuoriSalone 2017 una creazione che prende spunto dai decori e motivi tratti dagli sterminati archivi storici dell’azienda.

Barnaba Fornasetti, figlio del leggendario Piero e attualmente Direttore e cuore artistico della Fornasetti, ha creato un mobile contenitore ribattezzato “Cilindro”, caratterizzato, come facilmente intuibile dallo stesso nome, da una sagoma cilindrica che accoglie a 360° una moltitudine di decori.

Punti fermi della filosofia di Barnaba fin dagli Ottanta sono stati in maniera imprescindibile la qualità del concetto e la sua funzionalità; “Cilindro”, che si caratterizza da linee estremamente semplici e pulite, non fa eccezione.

“Cilindro” viene proposto in tre differenti versioni, con la peculiarità di poter essere destinato in qualsiasi stanza di un’abitazione, e con funzionalità diverse poiché è in grado di essere appoggio come tavolino contenitore (diametro cm 80 x 61h), spazio per racchiudere oggetti (diametro cm 60 x 135h) o anche una vetrinetta (diametro cm 60 x 145h), per rivelare al suo interno bicchieri, bottiglie e ciò che si vuole mostrare.

Tutte le tre varianti hanno le caratteristiche comuni di essere in legno, stampato, laccato, dipinto a     mano e in edizione limitata.

La scelta da parte di Barnaba di realizzare un mobile dalla forma cilindrica non è casuale, ma riprende una passione per i contenitori e le forme compatte che nutriva fin da giovane Piero Fornasetti, tra i talenti più originali e creativi del Novecento.

In particolare Piero osservava nella forma a cilindro un rimando al cerchio, simbolo di perfezione che racchiude e protegge al suo interno oggetti preziosi e piccoli segreti. Da qui inizia poi negli anni una produzione artigianale di accessori e mobili d’arredamento a forma tubolare che vanno, a seconda delle dimensioni, dalle colonne ai portaombrelli, dai gettacarte alle basi per le lampade.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *