,

La FIAT 500 compie 60 anni e diventa star del MoMA di New York

Fiat 500 al MoMa

Era il 4 luglio del 1957 quando in Casa FIAT si svelò quella piccola indisponente macchinina, alla portata di tutti. Ma scommettiamo che nemmeno la mente più lungimirante del Lingotti avrebbe pensato che quel modello, seppur così innovativo, avrebbe avuto una vita così lunga e prosperosa. La FIAT 500 compie 60 anni.

Con la 500 la Casa automobilistica torinese, di fatto, mise in mano a tutti l’automobile. Fu l’auto del popolo e della Dolce Vita al tempo stesso, amata da giovani e meno giovani. E proprio oggi in occasione del suo sessantesimo compleanno arriva il tributo più grande: entrerà infatti a far parte della galleria permanente del Museo di Arte Moderna di New York, il MoMA.

“Se è vero che la Fiat 500 ha segnato la storia dell’automobile, è altrettanto vero che non è mai stata solo un’automobile”, queste le parole di Olivier François, Head of Fiat Brand e Chief Marketing Officer FCA. “Nei suoi 60 anni di storia, 500 è andata ben oltre la sua manifestazione materiale per entrare nell’immaginario collettivo, diventando un’icona, che ora ha l’onore di essere certificata dall’acquisizione del MoMA: un tributo al suo valore artistico e culturale”.

“La Fiat 500 è un’icona della storia dell’automobile che ha cambiato per sempre il modo di disegnare e di produrre auto” ha dichiarato Martino Stierli, il “Philip Johnson Chief Curator of Architecture and Design” del MoMA. “Aggiungere questo capolavoro quotidiano alla nostra collezione ci consente di ampliare il racconto del MoMA sulla storia del design automotive”.

L’esemplare acquistato dal MoMA sarà una 500 serie F, la 500 più popolare di sempre, prodotta dal 1965 al 1972. La “piccola grande vettura” di casa Fiat riscuote successo fin da subito in tutti i continenti, e i 18 CV del suo bicilindrico da 499,5 cm3 la  spingono a 95 km/h su tutte le strade del mondo. Dal 1957 al 1975 sono stati prodotti oltre 4.000.000 esemplari. Dalla Nuova 500 della fine degli anni Cinquanta, alla Sport e poi la D, più potenti, e poi la F che detiene il record di unità prodotte, sino alla più lussuosa L, per arrivare alla R.

La Fiat 500 non è stata solo emblema della motorizzazione di massa. È diventata nel tempo e nello spazio, un’icona di stile e di design. Un design inconfondibile, dal musetto, ai baffi, ai fari, ha ispirato la fantasia di artisti, che l’hanno interpretata in termini di eleganza, esclusività e sportività. È stata capace di mantenersi fedele a se stessa e al contempo giovane, attraversando sessant’anni di storia e costume, moda e società. Un’auto di successo, ma anche un fenomeno culturale al centro della scena da sessant’anni, senza mai passare di moda. Con il lancio della nuova generazione nel 2007, la 500 si è mostrata in tante vesti originali e cool, nella versione berlina e cabrio e attraverso serie speciali di straordinario successo (la 500 by Diesel, la 500 Gucci e la 500 Riva).

In Casa FIAT per omaggiare questo pezzo di storia dell’azienda, si è deciso di creare un modello speciale: dopo la Fiat 500-60esimo, serie speciale in edizione numerata e limitata dedicata ai sessant’anni, presentata al Salone di Ginevra e che celebra la vocazione più esclusiva di 500, nasce la nuova Fiat 500 Anniversario, che si rifà allo spirito più democratico della vettura. È ordinabile e presente in tutte le concessionarie italiane da oggi, per celebrare il giorno del compleanno e sarà disponibile sia in versione berlina, che cabrio e rende omaggio all’icona Made in Italy del 1957 attraverso la rilettura contemporanea di alcuni stilemi che l’hanno resa famosa negli anni della Dolce Vita.

Inoltre, proprio oggi, a Torino è stato presentato anche il francobollo commemorativo per i 60 anni della 500, prodotto in 1 milione di unità.

 

 

 

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] ideate da Lapo Elkann e prodotte da Hydrogen, Alberto Bresci, fondatore e designer del brand, festeggia i 60 anni dell’icona di casa Fiat dedicandole una felpa limited edition […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*