Le 10 auto più lussuose del Salone di Ginevra

ROLLS-ROYCE DAWN INSPIRED

Non si smentisce mai il Salone dell’Auto di Ginevra. Anche in questa versione 2017, la kermesse svizzera ha riservato molteplici novità e tanto, tanto lusso e tecnologia. Le berline la fanno da padrone nella loro versione sportiva ma non mancano i grandi classici e prototipi che lanciano una nuova idea di auto del futuro. Noi abbiamo selezionato le 10 novità più interessanti e lussuose, quelle ci hanno suscitato maggiore curiosità e che, reputiamo, saranno quelle che avranno un successo maggiore.

FERRARI 812 SUPERFAST

70 anni della casa di Maranello festeggiati con la nuova berlinetta 12 cilindri, gli stessi con cui è iniziata la storia dell’azienda creata dalla passione di Enzo Ferrari, nel 1947. La Superfast è la Ferrari stradale più potente e prestazionale mai creata. Questa nuova Ferrari, solo 200 esemplari già prenotati, è destinata ad un pubblico che desidera una vettura sportiva senza compromessi in grado di regalare emozioni sia su strada sia su pista ma, allo stesso tempo., desidera il massimo comfort tipico della mitica Rossa. Con il nuovo motore V12 da 6.5 litri, in grado di erogare 800 CV, la Superfast è il nuovo punto di riferimento per le vetture sportive a motore anteriore-centrale, con la potenza massima raggiunta a 8.500 giri/minuto e una potenza specifica di 123 cv/l, valori mai ottenuti in passato da motori anteriori su vetture di serie che esaltano la sensazione di sportività estrema. La Superfast ha il nuovo colore Rosso Settanta Anni, proprio per celebrare l’anniversario della casa di Maranello. I suoi interni sono sportivi ma estremamente confortevoli: la plancia ha una struttura orizzontale passante che ingloba le bocchette d’aria e crea una scultura metallica. I nuovi sedili si distinguono per un’ergonomia ottimale e uno stile leggero e sportivo. Novità anche per l’interfaccia uomo-macchina, con un nuovo volante e strumentazione, assieme al sistema d’infotainment e climatizzazione di ultima generazione.

FERRARI 812 SUPERFAST

PORSCHE PANAMERA TURBO S

Altra berlina sportiva, quest’anno vanno per la maggiore. Quest’auto concilia aspetti diversi: performance e comfort, dinamica ed efficienza mantenendo il DNA tipico di Porsche. La Panamera si presenta più dinamica che mai, grazie al Porsche Dynamic Chassis Control Sport, alle sospensioni pneumatiche a 3 camere e, per la prima volta, all’asse posteriore sterzante. Tutti i modelli sono connessi alla rete digitale tramite il Porsche Connect. La silhouette della Panamera è quella di una vettura sportiva, con un design tutto nuovo, più “atletico”. Il passo è stato aumentato di 3 mm rispetto al modello precedente: la sporgenza anteriore più corta e quella posteriore più lunga creano dinamismo estetico. L’accentuata plasticità della fiancata conferisce una linea e una leggerezza tipicamente Porsche. Una caratteristica: la fascia di raccordo luminosa nella parte posteriore e le sottili luci posteriori tridimensionali in tecnica a LED con luci stop a 4 punti. Lo spoiler posteriore estraibile, integrato nella carrozzeria, riduce la portanza all’asse posteriore in caso di velocità elevate. Gli interni sono stati completamente rielaborati pur rimanendo tipicamente Porsche. Il tunnel centrale è ascendente. Il cruscotto ha un andamento piatto e allargato. Il contagiri analogico è situato al centro della strumentazione. Una novità è rappresentata anche dalla logica dei comandi: il tunnel centrale ha il Direct Touch Control, dotato di una superficie effetto vetro con tasti sensibili al tocco per consentire un accesso diretto alle principali funzioni. Nel cruscotto è integrato uno schermo touchscreen da 12 pollici ad alta risoluzione. In combinazione con il climatizzatore automatico è disponibile un ulteriore schermo touchscreen per i passeggeri che occupano la zona posteriore. I display ad alta risoluzione a destra e a sinistra del contagiri consentono di visualizzare strumenti virtuali, mappe e altre informazioni. Comfort e lusso uniti da un comune denominatore.

PORSCHE PANAMERA TURBO S

© gims.swiss

FITTIPALDI MOTORS EF7 VISION GRAN TURISMO BY PININFARINA

La prima delle vetture nata dalla mente del pilota brasiliano Emerson Fittipaldi, campione del mondo di Formula 1 nel 1972 e 1974 e due volte campione della 500 miglia di Indianapolis. Carrozzeria e monoscocca di questa supercar sono realizzati in fibra di carbonio e la sua struttura è stata creata per avvolgere pilota e passeggero in una sorta di capsula di sicurezza. Molto fa anche il peso: leggerissima, appena 1.000 kg.  Il motore è un V8 aspirato da oltre 600 CV di potenza, in blocco unico col cambio: entrambi realizzati pèr abbassare il più possibile il baricentro della vettura. Il veicolo unisce la tecnologia automobilistica sportiva ad un design mozzafiato e assicura la massima guidabilità e il rispetto dei più elevati standard di sicurezza. Ideata dal campione brasiliano, con la collaborazione di Pininfarina e HWA AG, azienda tedesca che da oltre 50 anni produce auto da corsa, la EF7 Vision Gran Turismo sarà disponibile anche in formato virtuale nella serie “Gran Turismo”, il noto simulatore di guida di Sony PlayStation.

FITTIPALDI MOTORS EF7 VISION GRAN TURISMO BY PININFARINA

LAMBORGHINI HURACÁN PERFORMANTE

Lamborghini torna sulla Huracán ma questa volta con un passo decisamente nuovo. Rispetto alle altre versioni, questa auto  beneficia dell’aerodinamica “ALA” (acronimo di “Aerodinamica Lamborghini Attiva”) per garantire la massima aderenza su strada ed in pista. Inoltre l’utilizzo di soluzioni tecniche innovative e quello estensivo della fibra di carbonio e alluminio per telaio e carrozzeria hanno contribuito ad abbattere il peso di 40 kg: quello a secco è pari a 1.382 kg. La trasmissione continua invece a sfruttare la trazione integrale permanente (4 ruote motrici) ed un velocissimo cambio automatico a doppia frizione e 7 rapporti. La Performante poggia su cerchi in lega da 20”, gommati con pneumatici Pirelli P Zero Corsa che contribuiscono, insieme all’impianto frenante con dischi carboceramici, ad arrestare completamente l’auto da 100 km/h in appena 31 metri. Il motore è un V10 5.2 aspirato che, sulla Performante, tocca quota 640 CV di potenza massima a 8.000 giri/minuto. Grazie alle modalità di guida “Strada”, “Sport” e “Corsa” il comportamento della Performante può diventare più affilato e sovrasterzante a seconda dei desideri del guidatore. Il prezzo è di 250mila euro.

Lamborghini Huracan Performante

© gims.swiss

PEUGEOT ISTINCT CONCEPT

È il futuro secondo Peugeot, sia come design che come performance. La guida autonoma e un powertrain ibrido plug-in da 300 CV sono le sue caratteristiche principali. Spiccano le portiere che si aprono a libro, le telecamere che sostituiscono gli specchietti retrovisori e un ulteriore “occhio” tecnologico installato tra i fari anteriori che analizza la strada e invia le informazioni ai vari sistemi di sicurezza e assistenza alla guida. Tecnologicissimo il design interno: il volante si ripiega all’interno della plancia quando si decide di procedere in modalità driverless impostabile su soft o sharp. La guida manuale prevede invece le scelte tra Boost e Relax. E poi schermo touch da 9,7 pollici che la fa da padrone.

PEUGEOT ISTINCT CONCEPT

BENTLEY EXP 12 SPEED 6E CONCEPT

Una Bentley elettrica e al momento solo un prototipo per sondare il mercato. La Casa britannica si butta così nel mercato dei veicoli ad emissioni zero. La nuova Bentley ha un’autonomia degna di una gran turismo. In grado di fare 300 km abbondanti, un Londra- Parigi, per intenderci. L’abitacolo ha i sedili in pelle trapuntata e l’insieme tunnel-console è realizzato con una pannellatura in vetro curvo. Sul volante sono integrati i due tasti di accesso rapido a due funzioni considerate fondamentali: l’accesso alla massima potenza disponibile e, all’opposto, un limitatore di velocità per la circolazione nei centri urbani. Davanti al passeggero c’è un monitor con accessi facilitati a internet, tanto per la navigazione quanto per i social. Non mancano le retrocamere al posto dei retrovisori: sono un accenno al futuro a metà strada tra estetica e funzionalità tecnologica.

BENTLEY EXP 12 SPEED 6E CONCEPT

© gims.swiss

 

MERCEDES AMG GT CONCEPT

Il futuro per Mercedes-Benz. In occasione dei 50 anni di storia del brand AMG, Mercedes presenta a Ginevra questa nuova berlina supersport. Nata come prototipo ma destinata a diventare un modello di serie, questa creazione firmata AMG ha tanti nuovi interessanti elementi. Il più importante è il powertrain scelto, ibrido, nato dall’esperienza di Mercedes in Formula 1. Un motore V8 4.0 biturbo, abbinato a un motore elettrico da 600 kW, permette di raggiungere 815 cv di potenza massima. Le batterie al litio vengono ricaricate sia dal sistema di recupero energetico, sia dal motore termico, garantendo anche la possibilità di muoversi in elettrico puro, seppur per pochi chilometri, solo benzina, o combinato.  Per tutti questi motivi sulla nuova nata troviamo il marchio EQ Power+, che l’azienda tedesca utilizzerà per tutti i nuovi modelli ibridi ad alte prestazioni del binomio AMG-Mercedes. Altro tocco distintivo sono gli specchietti retrovisori, in realtà assenti, sostituiti da due telecamere alloggiate su piccole pinne che ricordano le onboard cam sempre di derivazione Formula 1.

MERCEDES AMG GT CONCEPT

© gims.swiss

PAGANI HUAYRA ROADSTER

Pagani torna in campo con la sua Roadster ma senza tetto. Modifiche anche sotto il profilo estetico, ma le vere novità sono nella meccanica complice il materiale composito Carbo-Titanio per il telaio monoscocca. Quest’ultimo migliora la rigidità strutturale e rende l’auto più leggera dells sua versione chiusa con un peso pari a 1.280 kg, inferiore di 80 kg rispetto alla Huyara con il tetto. L’architettura rimane a triangoli sovrapposti. La dotazione tecnica della Pagani Huayra Roadster comprende anche i freni in materiale composito e gli pneumatici Pirelli Pzero Corsa, montati su cerchi da 20 pollici all’anteriore e da 21 al posteriore, che offrono livelli di tenuta laterale molto simili a quelli di un’automobile da corsa. L’abitacolo della sportiva modenese viene riparato da una copertura rigida in fibra di carbonio o da una capote in tela: entrambe sono ad azionamento manuale, ma soltanto quella morbida può essere riposta nell’auto e utilizzata in caso d’emergenza. Motore V12, elettronica di bordo che prevede un sistema regolabile su cinque livelli per gestire il controllo di stabilità e un altro per l’impianto di aerodinamica attiva. La Huayra Roadster sarà costruita in 100 esemplari e sarà venduta al prezzo di 2,8 milioni di euro.

PAGANI HUAYRA ROADSTER

© gims.swiss

ASTON MARTIN VALKYRIE

Prende il nome dalle valchirie della mitologia germanica la nuova hypercar realizzata dalla Aston Martin, in collaborazione con Red Bull Racing. Si tratta di un’ibrida motorizzata con un propulsore termico Cosworth V12 aspirato da 6.5 litri abbinato ad un motore elettrico per una potenza totale di oltre 1.000 CV per un rapporto peso/potenza stimato 1 a 1. Tra le sue prestazioni c’è uno “scatto” da 0 a 322 km/h e ritorno a 0 km/h in 15 secondi. Il prezzo dovrebbe aggirarsi sui 2,8 milioni di euro per i 150 esemplari stradali previsti, mentre altre 25 Aston Martin Valkyrie saranno realizzate in versione da competizione.

ASTON MARTIN VALKYRIE

© gims.swiss

ROLLS-ROYCE DAWN INSPIRED

Nessuna premiére per la casa di lusso automobilistico per eccelenza, ma personalizzazioni che evolvono il concetto di luxury. Al Salone dell’Auto di Ginevra 2017, la Casa inglese di proprietà BMW si presenta con tre esempi di “haute couture”: personalizzazioni molto marcate con uno studio del dettaglio insolito e decisamente top. Come le tre Dawn Inspired by Fashion, collezione primavera-estate. Su una comune livrea bianco perlata (con interni di pelle ugualmente bianca) la cabriolet è stata vivacizzata con tre capote: rossa, arancione e blu elettrico, tinte decisamente inusuali su auto di questo lignaggio. Le Wraith e la Ghost Black Badge giocano viceversa sui toni del nero, facendo l’occhiolino alla clientela più giovane. La Ghost a passo lungo Elegance ha, invece, una vernice diamantata realizzata secondo un procedimento unico al mondo su specifiche di un cliente che ha “concesso” la sua fuoriserie alla folla di Ginevra. Tanto per sottolineare il senso di esclusività, una scultura realizzata dal belga Charles Kaisan ha accolto i visitatori allo stand.

ROLLS-ROYCE DAWN INSPIRED

 

Tratto da Lusso Style di Marzo 2017

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*