Maison Ruinart, a Venezia per degustarlo con classe

Ruinart a Venezia

Maison Ruinart, la più antica Maison di Champagne fondata nel 1729, famosa per il suo Chardonnay raro e prezioso, ha deciso, per celebrare al meglio la 57esima Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, di aprire in esclusiva ai suoi più attenti estimatori la Maison Ruinart Venice.

Scegliendo per l’occasione gli spazi del The Gritti Palace, tra gli hotel più rinomati al mondo situato in un palazzo del XV secolo di fronte alla magnifica Basilica di Santa Maria della Salute, Maison Ruinart Venice proporrà ai suoi ospiti, nelle serate del 21, 22 e 23 giugno, la possibilità di accedere alla terrazza della Suite Redentore, e vivere in questa esclusiva location una vera e propria sensoriale.

Ogni sera saranno infatti disponibili 20 posti per un dinner elaborato da Daniele Turco, Executive Chef dell’hotel e del Ristorante Club del Doge, il tutto in abbinamento alle Cuvée Ruinart Blanc de Blancs e Ruinart Rosé. Inoltre saranno anche disponibili 60 posti per un aperitivo, per il quale lo Chef proporrà cicchetti tipici veneziani e Starred street food in abbinamento al celebre Ruinart Rosé.

Per sottolineare lo stretto rapporto che lega ormai da anni la Maison Ruinart con il mondo dell’arte, è stato chiamato il giovane illustratore francese Ugo Gattoni, il quale si esibirà dal vivo descrivendo l’antico savoir-faire, la dedizione e la passione per l’arte delle bollicine che hanno contraddistinto fin dalle sue origine la Maison Ruinart.

Maison Ruinart Venice racconta la storia di due secoli di successo e audacia, di cultura e amore per l’arte, che ha portato Ruinart ad essere oggi un punto di riferimento, di eccellenza e di eleganza nel mondo dello Champagne. In più, l’esperienza offerta da Maison Ruinart Venice, è un’occasione indimenticabile per degustare il celebre Champagne in un luogo unico e di grande impatto emotivo, godendo nel contempo di uno dei più affascinanti panorami di Venezia.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*