Per i 100 anni Aston Martin si regala una Centenary Edition

Aston Martin è un marchio che da sempre è sinonimo di esclusività. Sì, James Bond ha contribuito a renderla famosa in tutto il mondo, ma la realtà è che queste sono auto che da sempre riscuotono nel mondo un consenso che raramente si può vantare. Chi ha un’Aston non vuole altre auto: non c’è Ferrari o Lamborghini che tenga. Il 2013 è per la Casa inglese un anno importante, poiché ricorre il centesimo anniversario della sua fondazione. E per festeggiare, da Gaydon uscirà una serie numerata in soli 100 esemplari numerati, per ciascuna delle linee di prodotto: V8 Vantage, DB9, Rapide e Vanquish. Ogni ‘Centenary Edition’ è unica, caratterizzata – oltre che dalla numerazione incisa nelle placche battitacco – da una verniciatura specifica che richiede un totale di 50 ore di lavoro, oltre a fregi in argento e specifici badge della marca con elementi in vero smalto.
”Il centenario della Aston Martin – ha dichiarato Ulrich Bez, CEO dell’Azienda – è una grande occasione per la nostra azienda, i nostri clienti i nostri fan in tutto il mondo. È corretto che in questo ambito siano state sviluppate queste eccezionali ‘Centenary Edition’ che, sono sicuro, diventeranno rapidamente auto altamente desiderabili e ricercate”.
Bez ha poi aggiunto: ”La possibilità di possedere e godere di uno splendido pezzo del patrimonio Aston Martin è resa ancora più esclusiva dal fatto che stiamo limitando a 100 il numero versioni speciali per ogni linea di modello. So per certo che gli appassionati del marchio di tutto il mondo sono ansiosi di garantirsi in fretta l’acquisto del loro modello celebrativo”. Ogni Aston celebrativa, verrà consegnata ai clienti con uno speciale cofanetto che conterrà due chiavi in vetro, due portachiavi eseguiti con la stessa pelle della tappezzeria scelta per l’esemplare, una coppia di gemelli in argento con il logo Aston Martin, una penna a sfera in argento massiccio e una cuffia hi-fi di alta qualità Bang & Olufsen.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*