,

Pershing 140: il primo in lega leggera

La nautica italiana è ancora protagonista al “Monaco Yacht Show” di quest’anno. Nella Kermesse monegasca, infatti Pershing ha presentato la nuova ammiraglia proprio nella capitale mondiale dei mega yacht, la Pershing 140.

Proprio in occasione del trentennale, l’azienda ha scelto di presentare il suo primo megayacht in lega leggera la cui commercializzazione è prevista per il 2018. “A luglio abbiamo mostrato i primi rendering agli Armatori ospiti del raduno per il 30° anniversario Pershing a Palma di Maiorca e la reazione è stata identica alla mia, ogni volta che osservo le immagini di questa nuova ammiraglia: un brivido. Quello che in azienda chiamiamo ‘thrill’ e che solo Pershing sa regalare” – commenta l’Avv. Alberto Galassi, Amministratore Delegato di Ferretti Group. “La reazione della stampa durante la nostra conferenza di Montecarlo è stata la stessa. Per questo non vedo l’ora che inizi la costruzione di questa nave formidabile, voglio guardarla crescere mese dopo mese. Sono sicuro che Pershing 140 sarà il più grande brivido nella storia di Pershing”.

Il risultato è frutto della collaborazione fra Comitato Strategico di Prodotto, dipartimento Engineering Ferretti Group e l’architetto Fulvio De Simoni: il nuovo 140 piedi (LOA 42,53 mt.) sarà il primo Pershing realizzato negli stabilimenti del Gruppo di Ancona, specializzati nella costruzione di super e mega yacht in acciaio e alluminio oltre i 40 metri. La nascita di questa ammiraglia segna infatti l’ingresso del brand in una nuova era progettuale e costruttiva, che unisce la spinta verso l’innovazione.

Scafo e sovrastruttura in alluminio con alcuni inserti in composito in coperta, è aggressivo e pronto a esprimere in acqua tutta la sua potenza; possente senza essere serioso, ha forme estremamente “sleek” e in linea con l’anima sportiva del marchio: queste sono le caratteristiche che si evidenziano nel nuovo Pershing 140.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*