Se gli sfizi diventano essenziali…

Se gli sfizi diventano essenziali - editoriale

Quante volte abbiamo detto a noi stessi questa frase: “Prima o poi voglio togliermi questo sfizio…”. Sfizio, ovvero qualcosa di non essenziale, del quale si potrebbe fare tranquillamente a meno. E sempre più spesso si è costretti e rinunciarvi, volenti o nolenti. Eppure ogni mattina ci alziamo dal letto,  ci mettiamo in auto nel traffico ed andiamo a lavorare, pensiamo ai nostri figli, paghiamo le bollette, facciamo interminabili file per qualunque cosa.

La nostra giornata è piena di doveri da espletare, di impegni da portare a termine, di noiose file al semaforo, di amici che ci tormentano coi propri problemi, senza mai chiederci nemmeno come stiamo! Basta! Anche noi avremo o no bisogno del nostro zuccherino?

La vita non può essere solo sacrificio, è una sola e va onorata e rispettata, ma soprattutto amata. Mai negarsi qualcosa se questo non porta problemi, mai esitare quando abbiamo voglia di qualcosa. Qualcuno di molto più importante di me disse: “Meglio vivere di rimorsi che di rimpianti”. Perché il tempo scorre e non perdona chi non approfitta dell’istante che passa e non viene goduto. Non vi sto dicendo di scialacquare il vostro denaro in acquisti inutili o investimenti folli. Lungi da me l’idea. Ma prendiamo ad esempio il corpo umano: sapevate che il nostro organismo ci manda dei messaggi ben precisi sulle proprie necessità?

È proprio così, parlatene con i vostri medici. Banalmente vi faccio un esempio: se vi sentite deboli ed affaticati, un po’ di dolcetti ritireranno immediatamente su il vostro livello energetico. In pratica il vostro corpo, manifestando stanchezza, vi sta facendo presente la sua necessità di zuccheri nel sangue. Eppure una caramellina o un pezzo di cioccolata, sono alimenti che notoriamente non vengono mai (o quasi) consigliati nei regimi alimentari. Eppure sono quel qualcosa in più che vi farà star meglio. Ovviamente questo è un modo essenziale per spiegare il concetto che voglio esprimere in queste pagine, ovvero che lo sfizio, qualche volta, diventa più che necessario.

E allora, ogni tanto, prendiamo sul serio quelle piccole necessità del nostro ego che ci richiede di concederci qualche cosa in più del necessario. “Chi se non io, quando se non ora, dove se non qui?”, una frase che  ciascuno di noi dovrebbe far propria quando pensa che per ogni cosa nella vita ci sia un tempo infinito per ralizzarla. L’orologio gira in una sola direzione. E allora? Non perdiamo il nostro tempo e chiederci se sia giusto regalarci quel piccolo premio che tanto desideriamo.

Facciamolo, non esitiamo, perché nessuno di noi può sapere se il giorno dopo sarà ancora possibile farlo. La vita è un dono straordinario che va goduto fino in fondo e l’unico vero compito che abbiamo è darle un senso. In quest’ottica, è indispensabile per noi, qualche volta, cedere ai richiami dei nostri desideri più profondi. Ce lo meritiamo.

 

Tratto da Lusso Style di Marzo 2017

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*