Smart, inizia la nuova era

world_premiere_smart_fortwo_and_forfour_(60)

Una rivoluzione. Una splendida rivoluzione che proietta la smart verso la nuova era, di cui si erano intravisti i contorni qualche mese fa in occasione della presentazione della concept quattro posti. Ma la nuova smart mostrata in Germania si presenta in entrambe le versioni.

L’arrivo sul mercato è previsto per il prossimo mese di novembre e il prezzo d’attacco sarà di 12.000 Euro. Il modello a quattro posti, costerà 650 Euro in più.

La fortwo è ora ancor più confortevole nei suoi interni, ma anche decisamente attuale nelle linee del design degli esterni che rimangono estremamente contenuti nelle dimensioni. Alla propulsione (posteriore anche nella versione forfour) pensano motori a tre cilindri da 45 kW/ 60 CV, 52 kW/ 71 CV e 66 kW/ 90 CV, mentre la trasmissione è affidata al cambio manuale a cinque marce o al cambio automatico a doppia frizione twinamic.

È bella, affascinante e come al solito, nel suo DNA c’è la praticità d’uso e la compattezza, doti che da sempre la rendono ideale per l’uso urbano.

Cinque versioni di equipaggiamento, distinguono i nuovi modelli:  youngster, sport edition #1, passion, prime e proxy. E ancora, una varietà di equipaggiamenti a richiesta fino ad oggi esclusiva di segmenti di mercato più alti: le nuove smart sono in pratica pezzi unici perché, già nella versione youngster, entrambi i modelli offrono un’ampia gamma di equipaggiamenti per la sicurezza e il comfort.

Tra i sistemi di sicurezza innovativi presenti sulle nuove smart, brilla certamente il sistema di assistenza quando c’è vento ai lati del veicolo, disponibile di serie, che riduce la pericolosità di tali situazioni poiché, rilevando un pericoloso spostamento di corsia, attiva un intervento di frenata selettivo: in questo modo il guidatore non è costretto a controsterzare con eccessiva forza. Il sistema di assistenza in presenza di vento laterale si attiva a partire da una velocità di 80 km/h durante la marcia in rettilineo ed in leggera curva.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*