Beatrice Bag di Testoni, l’ispirazione arriva da Dante e dalla Pineta di Classe

0
143
Beatrice Bag Testoni

L’ispirazione arriva niente di meno che dalla Divina Commedia, opera massima del sommo poeta Dante Alighieri. La Beatrice Bag di Testoni nasce prendendo spunto dalle querce della Pineta di Classe, in Emilia-Romagna, cui proprio Danti prese spunto per la stesura di alcuni versi del suo capolavoro. I designer di Testoni nella creazione di questa borsa, hanno chiamato questa borsa Beatrice, proprio in onore del grande amore del poeta toscano.

Dalla corteccia degli alberi, al braccio delle donne più esigenti

La Beatrice Bag trae la sua essenza dalle cortecce della Pineta, superfici irregolari e suggestive vengono incarnate in ogni intreccio di questa borsa, che porta con sé una storia millenaria. È caratterizzata da un motivo decorativo che cattura l’essenza della natura. L’aspetto irregolare della trama rimanda al fascino dell’imperfezione dei tronchi e del legno, mantenendo inalterata l’affascinante uniformità di un ambiente naturale, che di per sé e nel suo insieme è perfetto.

È stata realizzata attraverso un processo lungo che ha visto gli artigiani lavorare con pazienza, passione e abilità. Attraverso il lavoro di questi straordinari professionisti, le pelli si trasformano in strisce ondulate, ciascuna portata a uno spessore uniforme, in una sinfonia di forme che si intrecciano come la superficie della corteccia degli alberi.


Il nome stesso della borsa, Beatrice Bag, rappresenta un invito a scoprire la propria autenticità e a lasciare un’impronta nel mondo. Proprio come un albero cambia con le stagioni, anche questa borsa si evolve nel tempo, grazie all’effetto vissuto che la caratterizza e si intreccia con le esperienze di chi la indossa.