,

Bugatti Centodieci: un bolide che omaggia la storia dell’azienda

Bugatti Centodieci

Un omaggio alla storica EB 110

1600 cavalli, un valore di 8 milioni di euro. La Bugatti Centodieci è la nuova hypercar della Casa francese, creata per rendere omaggio ai 110 anni dell’azienda e alla EB 110 di Artioli.

“Con la Centodieci, rendiamo omaggio alla super sportiva EB110, costruita negli anni ’90 e che fa parte della nostra storia ricca di tradizione”, afferma Stephan Winkelmann, Presidente di Bugatti. “Con l’EB110, Bugatti si è catapultata nuovamente al vertice del mondo automobilistico dopo il 1956 con un nuovo modello. Siamo orgogliosi della nostra storia, di cui EB 110 fa parte. Ecco perché celebriamo una reinterpretazione di questo straordinario veicolo con la Centodieci”, ha detto l’ex numero uno di Lamborghini.

Bugatti Centodieci: prestazioni iper

Spinta dal W16 tipico di Bugatti, la nuova fantastica creatura della Casa guidata da Stephan Winkelmann, è capace di prestazioni straordinarie: la Centodieci fa 0-100 km/h in 2.4 secondi,  0-200 km/h in 6.1 secondi e 0-300 km/h in 13.1 secondi, raggiungendo una velocità massima di 380 km/h. Insomma, provate a sfidarla in pista.

Design feroce

Basta osservarla per rendersi conto dell’essenza di questa straordinaria autovettura. Il frontale punta verso il basso, quasi manifestasse la voglia di divorarsi l’asfalto, linee laterali filanti e “cattive”, un posteriore che lascia letteralmente a bocca aperta. “La sfida non era quella di lasciarsi affascinare troppo dal design del veicolo storico, ma piuttosto di creare una moderna interpretazione della forma e della tecnologia di quel tempo”, ha detto Achim Anscheidt, Head Designer di Bugatti. Ancora più sportiva e più estrema delle auto sportive Bugatti Chiron e Divo, la Bugatti Centodieci è certamente più elegante e senza tempo come La Volture Noire. È una vera meraviglia, una delle vetture più belle del mondo certamente, ma anche una delle più iconiche mai create nella lunga storia dell’automotive.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *