Chanel sfila nell’Antica Grecia con la sua collezione cruise

Ancora un’ambientazione speciale creata dalla mente del maestro Karl Lagerfeld per le sue sfilate. La collezione cruise Spring Summer 17/18 di Chanel approda nell’Antica Grecia.

Scenografia reinventata al’interno del Grand Palais di Parigi, ha accolto le magnifiche modelle, tra cui le sorelle Bella e Gigi Hadid e Delevingne, oltre a note celebrità tra gli spalti. La collezione cruise intitolata “Modernity of Antiquity” (“la modernità dei tempi antichi”) ambientata appunto in un’Antica Grecia immaginaria ha fatto da sfondo alle modelle vestite in peplo, con coroncine di alloro tra i capelli e tantissimo oro ovunque.

La scenografia, per essere messa in piedi, ha avuto bisogno di ben 50 artigiani e 9 giorni di lavoro. La ricostruzione della scenografia, così come la creazione degli abiti, non ha nessuna ambizione storiografica e realistica, nelle parole dello stesso Lagerfeld: “La realtà non mi interessa. Io uso quel che mi piace. La mia Grecia è un’idea”. La collezione si è aperta con una sequenza di tweeds pelosi e sfilacciati nei classici colori Chanel, come tabacco, beige e caramello. C’erano richiami all’antica Grecia, colonne e toghe ad incorniciare una sfilata fluida e luminosa.

Le modelle hanno indossato particolari vestiti a forma di anfora, corsetti di chiffon drappeggiato e sandali alla schiava. Le collezioni cruise coprono dal 60 all’80% delle vendite e Lagerfeld ha avuto il merito di spettacolarizzarle e renderle un evento mondano oltre che commerciale. Un secondo enorme successo quindi, al pari della sfilata della collezione Metiers d’Art di dicembre a Parigi.

collezione cruise Spring Summer 17/18 di Chanel collezione cruise Spring Summer 17/18 di Chanel collezione cruise Spring Summer 17/18 di Chanel collezione cruise Spring Summer 17/18 di Chanel collezione cruise Spring Summer 17/18 di Chanel collezione cruise Spring Summer 17/18 di Chanel

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *