,

De Grisogono: Daring Creativity, 25 anni di scintillante creatività

L’instancabile creatività e l’approccio non conformistico di Fawaz Gruosi, il visionario gioielliere che ha dato vita alla Maison de Grisogono, sono al centro del volume De Grisogono: Daring Creativity, scritto dalla pluripremiata giornalista e storica di gioielli Vivienne Becker.

Il libro, pubblicato dall’inglese Assouline Publishing, ripercorre i 25 anni di storia della Maison svizzera con un particolare focus sulle creazioni che hanno reso de Grisogono uno dei brand di gioielleria più rinomati ed importanti degli ultimi anni.

La prima opera di De Grisogono sono stati un paio di orecchini di perla e diamanti creati per Begum Salima Aga Khan, che incarnavano quel lusso e quella esclusività che sarebbero poi diventate uno degli elementi distintivi del marchio. Da allora, celebrities come Sophia Loren, la Duchessa Camilla di Cornovaglia e Sharon Stone hanno indossato i gioielli scintillanti di Fawaz Gruosi, che consistono nell’uso di diamanti bianchi e neri, pietre colorate e caratterizzati da uno stile innovativo ma con un accento di retro.

“La chiave nella scelta di pietre uniche ed eccezionali”, afferma Fawaz Gruosi “è quella di trasmette le emozioni che generano, in quanto estensione del tuo essere. Mentre creo, so già chi sarà la donna che indosserà il mio gioiello, e di come la pietra diventerà inevitabilmente il suo talismano.”

Ma il Grisogono è molto di più: i rimandi agli opulenti stili fiorentini e bizantini, le sue impressionanti combinazioni di gemme e l’ineguagliabile artigianalità di Gruosi rendono la Maison ginevrina un unicum nel mondo dei gioielli, come attestano le immagini presenti nel libro da collezione.

Recentemente De Grisogono ha scelto di rinnovare ulteriormente la propria strategia decidendo di investire nel mondo dell’Alta Gioielleria, in particolare focalizzandosi su pochi diamanti, ma di dimensioni considerevoli e assolutamente privi di imperfezioni, di impeccabile lucentezza e dalla simmetria ineguagliabile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*