Ermanno Scervino presenta il suo primo profumo alla Milano Fashion Week

ERMANNO SCERVINO fragrance

Ermanno Scervino ha presentato il suo primo profumo, in occasione del fashion show SS 19 che si è tenuto nell’ambito della Milano Fashion Week.

“Volevo creare un profumo che esaltasse la mia donna”, ha dichiarato Scervino. “Un profumo sensuale, raffinato e discreto che, come i miei abiti, completasse il fascino femminile”.

Volto della fragranza e protagonista del video con cui si è aperto lo show è Cosima Auermann, figlia della top model tedesca Nadja Auermann. Un video ispirato all’eleganza cult delle dive della cinematografia italiana e hollywoodiana, da sempre icone estetiche di Ermanno Scervino, che per Cosima ha creato un abito etereo e seducente, sintesi perfetta della femminilità e del glamour del brand toscano.

“Ho scelto lei come testimonial del mio profumo perché volevo un volto iconico, che racchiudesse il fascino delle grandi dive ma fosse al contempo assolutamente moderno. Rivedo in Cosima il glamour di sua madre Nadja, una delle top model più famose al mondo, unito a tratti giovani, freschi e internazionali. Non avrei potuto pensare a nessuno di più indicato per esprimere la mia idea di femminilità”, ha detto il celebre stilista.

Un jus elegante e addictive, incentrato sulle note di una sorprendente tuberosa e di un gianduia deliziosamente morbido, che gli ospiti della sfilata hanno potuto scoprire in anteprima assoluta al momento della proiezione del video, quando la fragranza è stata diffusa in sala regalando un’inedita esperienza olfattiva. In un dialogo con gli abiti della sfilata, la passerella è stata percorsa dalla texture preziosa del profumo, in un gioco dei sensi: “La fragranza, d’altronde, rappresenta il completamento di un look – sostiene Ermanno Scervino – l’accento olfattivo che va ad aggiungersi alla vista e al tatto del suo tessuto. Il risultato mi piace molto: richiama alla mente la Toscana, e i fiori del giardino della mia casa immersa tra le colline del Chianti”.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *