Ferrari J50: limited edition semplicemente fantastica

Per celebrare i 50 anni di presenza in Giappone, Ferrari ha svelato la J50,Durante un evento celebrativo  svolto presso il National Art Center di Tokyo. Un modello speciale che segna il ritorno al concetto di tetto asportabile, tipico delle vetture di Maranello degli anni ’70 e ’80.

La Ferrari J50 è infatti una due posti secca, una roadster con motore posteriore-centrale, la cui produzione sarà limitata a soli 10 esemplari, il cui design radicalmente futuristico si combina ai gusti di una clientela da sempre amante dell’innovazione.

Realizzata sulla base dell’attuale 488 Spider, la Ferrari J50 è equipaggiata con una versione specifica del V8 da 3,9 litri, vincitore dell’International Engine of the Year Award di quest’anno, con una potenza di 690 cv.

Tutto è pensato per rendere straordinaria l’aerodinamica di questa vettura, a partire dai radiatori anteriori riposizionati più vicini fra di loro, per consentire un disegno totalmente inedito del paraurti anteriore. Il risultato ha prodotto una sezione del cofano bassa al centro e con la sommità dei passaruota in rilievo che enfatizzano la muscolosità tipica delle sportive Ferrari con motore posteriore-centrale.

Due canali d’aria in fibra di carbonio, davvero belli a vedersi, scolpiscono la parte anteriore e rendono il cofano ancora più intraprendente e prepotente nell’aspetto, sottolineato anche dai proiettori LED di disegno specifico, con un profilo molto dinamico e rastremato. La trasversa superiore del parabrezza è stata abbassata per consentire un flusso maggiore sopra il profilo aerodinamico posto dietro alla cabina e sullo spoiler posteriore. La coda è invece dominata da un sapiente gioco di temi grafici e modellati tridimensionali. Il propulsore V8 è visibile attraverso una cover trasparente che fornisce un estensione visiva ai due roll hoop separati che proteggono la testa di guidatore e passeggero.

All’interno, l’abitacolo vanta specifiche finiture che adornano i sedili sportivi, riportando al design del profilo del cofano posteriore, quasi a sottolineare un inconfondibile segno distintivo. L’hard top in fibra di carbonio è diviso centralmente in due pezzi che si possono comodamente riporre dietro i sedili.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *