Ferretti lancia la sua nuova ammiraglia

La celebre casa nautica Ferretti ha mostrato al mondo la sua ultima incredibile creatura: il Ferretti 960, la più grande imbarcazione da diporto planante che l’azienda italiana abbia mai realizzato. Un profilo filante degno di una fuoriserie di Maranello, prestazioni ai vertici della categoria e ottimizzazione degli spazi interni ed esterni. Il tutto in 96 piedi. Realizzato in collaborazione con lo Studio Zuccon International Project, AYT- Advanced Yacht Technology, e il team di architetti e designer del Centro Stile Ferrettigroup, rispetto alla precedente ammiraglia ha mantenuto il disegno dello scafo e le linee d’acqua, dimostrando con pieno merito di esserne l’erede diretto. Grazie ai 29,2 metri di lunghezza fuori tutto e ai 23,98 di lunghezza di costruzione, offre un’abitabilità da record. Cinque ampie cabine, di cui ben quattro riservate agli ospiti sul ponte inferiore e l’armatoriale e pruavia su ponte di coperta, oltre a tre riservate all’equipaggio con accesso alle cucine, completano il layout dell’abitabilità. Il flybridge ha spazi enormi a disposizione ed è stato pensato anche per divenire esclusivamente un’ala relax. Sottocoperta, le ampie vetrate assicurano una visibilità eccezionale all’interno delle cabine per gli ospiti. Sono previste 3 differenti motorizzazioni: la standard, con due motori 16V 2000 M84 che erogano una potenza i 2.218 mhp e le permettono di raggiungere i 27,5 nodi di velocità di punta e 24 di crociera. Le due motorizzazioni opzionali prevedono rispettivamente una coppia di motori 16V M93 dalla potenza di 2.435 mhp, oppure due motori 16V M94 alla potenza di 2.638 mhp. Con la prima, la velocità di punta può toccare i 29 nodi, e 25 di crociera. Con quella più potente, Ferretti 960 RPH può raggiungere i 31 nodi di velocità di punta e i 27 di crociera (dati preliminari). Il primo esemplare è in costruzione presso lo stabilimento produttivo del gruppo a Cattolica e sarà lanciato ufficialmente nella primavera del 2013.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *