Giacche enduro e altri accessori: l’abbigliamento perfetto di un centauro

Tutti gli appassionati di motociclismo conoscono perfettamente l’importanza che riveste l’abbigliamento per un centauro. Che si tratti di un hobby o di un’attività più costante, avere il giusto outfit è assolutamente indispensabile.

Non solo dal punto di vista estetico, ma anche per una serie di ragioni legate alla sicurezza e in generale alla salute. Se sei alla ricerca di informazioni per la tua giacca enduro, probabilmente questo articolo ti sarà d’aiuto. Vogliamo infatti fare una descrizione di tutto ciò che è necessario indossare per un centauro.

Prima dubbio per gli appassionati: giacche enduro in pelle o tessuto?

La primissima domanda che si pone un centauro è quella riguardante il materiale: meglio la pelle o il tessuto? Si tratta di un tema abbastanza dibattuto tra gli appassionati, visto che entrambe le soluzioni presentano pro e contro. C’è qualche azienda che ha ideato dei prodotti a materiale misto, ma questa soluzione per il momento non sembra aver preso piede. Per le giacche enduro, la pelle rappresenta sempre una certezza per “supportare le cadute”, a differenza del tessuto che, soprattutto con l’asfalto caldo, rischia di sciogliersi. La pelle è quindi un materiale in generale più completo, ma anche più costoso ed ingombrante. Inoltre, la pelle ha il difetto di rovinarsi con la pioggia: in ogni caso il consiglio è quello di affidarsi alla scelta migliore per le proprie esigenze. Non bisogna avere fretta nella scelta, ma fare le giuste valutazioni in relazione alla taglia, al costo e soprattutto alla libertà di movimento. Quando si va in moto, a maggior ragione se lo si fa solo per passione, bisogna stare comodi e a proprio agio altrimenti si rischia di fare brutte cadute.

Guanti, stivali e altri accessori necessari

Oltre alla tuta da motociclista ci sono diversi altri accessori che è il caso di tenere in considerazione. Come i guanti, che costituiscono una protezione necessaria soprattutto durante i mesi invernali. Meglio sceglierli in pelle o di un materiale pesante per proteggersi rispettivamente dalle cadute e dal maltempo. Anche qui la cosa importante è che non intralcino la guida: se la scelta ricade sui guanti con protezioni rigide, bisogna prestare particolare attenzione alle cuciture e alla chiusura dei polsi.

Un altro accessorio di grande importanza è il paraschiena, come d’altronde certifica anche la normativa europea che spiega la capacità di attutire i colpi e la zona di protezione ergonomica. Il paraschiena è obbligatorio se si porta uno zainetto: in questi casi consigliamo di leggere in maniera approfondita ciò che è stabilito dalla normativa.

Ci sono poi gli stivali, altro elemento indispensabile per proteggersi dal freddo e dalle intemperie dell’inverno. I più in voga in commercio sono quelli in pelle, con una parte traspirante. Fondamentale è la suola anti scivolo, ma anche la comodità nell’allacciarli e nel toglierli, che richiede di solito un mezzo numero in più nel momento in cui si fa la scelta.

Abbigliamento per la città e per le uscite fuori, quali le principali differenze?

Di solito chi viaggia con la moto in città tende a sottovalutare erroneamente i pericoli derivanti da possibili cadute. Per questo in molti optano per un abbigliamento leggero, snobbandone le conseguenze. Se è vero che in città bisogna essere più comodi e informali, è altrettanto vero che non si può correre il rischio di farsi male. È necessario indossare una giacca di pelle o di buon tessuto, così come è molto importante avere delle protezioni per gomiti e spalle. Per quanto riguarda i pantaloni, è necessario che essi siano resistenti alle abrasioni, mentre le scarpe dovrebbero proteggere quantomeno le caviglie.

Diverso è il discorso per chi si prepara ai fuoristrada. In questo caso la giacca dovrebbe prevedere protezioni e cuciture particolari, mentre i pantaloni devono essere rinforzati in alcuni punti. Indispensabili infine stivali, guanti e occhiali.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *