Giada Curti, collezione sposa da sogno

L’estate è dedicata per antonomasia ai matrimoni, occasione per cui l’Atelier Curti ha presentato la sua sofisticata collezione spose primavera/estate 2017 presso la magnifica hall del St. Regis Rome.

Dopo il successo dello scorso appuntamento, il St. Regis Rome torna ad ospitare in esclusiva collaborazione, gli abiti creati dall’estro di Giada Curti dell’Atelier Curti, in una combinazione di cibo eccellente, a cura dello Chef Francesco Donatelli, e abiti da sogno, nella storica hall di uno degli Alberghi più ambiti della Capitale.

Atmosfere bucoliche, modelle ornate di diademi di fiori. Tema principale il pizzo, in tutte le sue sfumature ad ornare scolli e spalle. Corpetti ricamati da incrostazioni di cristalli e perle su gonne dai volumi inediti. Costruzioni preziose e ricercate. Motivi plissé, volants e sopra gonne per gli abiti dal taglio romantico che accarezzano il corpo in una forma armoniosa. Un inno al puro romanticismo visto in un’ottica moderna e attuale per un sogno contemporaneo. Di classe l’abito in perfetto stile Audrey Hepburn con fiocco grazioso sul retro.

Atelier Curti vanta una storia di 56 anni di storia con una sola protagonista, “la Sposa”. Una famiglia che ha saputo negli anni interpretare la tradizione dell’abito da sposa ai massimi livelli.

Le future spose vengono accolte nello storico Atelier di Pontecorvo dalla stilista e da uno staff attento ai desideri delle proprie clienti ,affinché ogni dettaglio esaudisca il sogno.

The St. Regis Rome, inaugurato da César Ritz nel 1894, ha da sempre rappresentato il punto di riferimento del mondo diplomatico e politico internazionale. Ben 161 camere di cui 23 lussuosissime suite. Pezzi d’arte, affreschi d’epoca, colonne in marmo e lampadari di cristallo, fanno da scenario ad eventi e cerimonie memorabili. Il servizio impeccabile e i menu firmati dall’Executive Chef Francesco Donatelli combinati all’atmosfera della Belle Epoque, rendono il St. Regis Rome venue ideale per eventi di alto profilo.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *