Giass, London Dry Gin milanese presentato nel cuore di Roma

Giass, London Dry Gin milanese

Giass, London Dry Gin milanese: presentazione in grande stile

Le distanze tra Roma e Milano non sono mai state più labili grazie al nuovo prodotto lanciato sul mercato da Andrea e Simonpietro Romiti, due dei cinque soci. Il progetto in questione è Giass, London Dry Gin milanese.

Giass è stato presentato anche nella Capitale dopo i numerosi successi ottenuti già nel resto dell’Italia. L’appuntamento è stato fissato in tarda serata in un posto esclusivo, così esclusivo che a stento i romani ne erano a conoscenza. Si tratta del Secret bar Derrière nel centralissimo Vicolo delle Coppelle, 59 (vicino al Pantheon). Per accedere al Club si deve entrare ed attraversare il ristorante Osteria Coppelle, arrivare davanti ad un armadio bianco antichizzato, aprire le ante ed entrarvi all’interno. Da qui si accede al segretissimo Club Derrière, un ambiente intimo ed arredato con divani in pelle scura, candele, librerie e un’armatura da soldato.

Giass, London Dry Gin milanese

Giass, tra collaborazioni e cocktail

Giass è ufficialmente il primo London Dry Gin milanese che presenta proposte esclusive in collaborazione con MaG Cafè di Milano e uno dei sui barman di riferimento, Carlo Dall’Asta. Si affianca anche Farmily, il botanical spirit in grado di offrire un mix inconfondibile ai drink grazie ai profumi e ai gusti che regala la natura. La drink list della serata del 14 marzo si è ampliata per l’occasione.

Ad accompagnare la preparazione dei cocktail di Carlo Dall’Asta si è unita la sua presentazione degli stessi. Una lista in grado di rivisitare in mille modi i sapori di un classico intramontabile gin.Tra le proposte iniziali il Giass Tonic per far entrare subito il cliente nel mondo del gin. Si prosegue con A-Lychee in Wonderland con Giass, aperol, lemon e grapefruit juice, lychee syrup, egg white, tabasco, A seguire è la volta di Farmily Crusta a base di Giass e Farmily Mediterraneo, con demerara syrup, violetta quaglia, improved lemon juice e Bob’s Lavender Bitters. Si prosegue con un Medi Gib sempre a base di Giass e Farmily Mediterraneo con l’aggiunta di finocchietto Giardini D’amore, Sanbitter Dry, onion brine, sugar syrup, absinth e Celery Bitter Truth. Si chiude con Acqua del Conte, un omaggio a Milano e al “1930” lo speakeasy meneghino dove si può sorseggiare questo drink. La ricetta rimane un segreto. Il gin, proveniente da Villa de Varda in Trentino, viene presentato in una bottiglia in vetro serigrafata e l’immagine della Madonnina sull’etichetta, ad accompagnare la confezione un elegante sacchetto in cuoio. I soci sono cinque amici, che hanno iniziato il progetto un po’ per gioco ritrovandosi una sera a casa tutti insieme. Il nome Giass, scelto da Andrea e Simone Romiti, Richard D’Annunzio, Francesco Niutta e Francesco Braggiotti significa “ghiaccio” in dialetto lombardo. L’ “Alchimista” è Richard D’Annunzio, barman professionista che ha sperimentato e provato varie ricette fino alla formula perfetta che è tutt’oggi in commercio. Il logo di Giass richiama una “vedovella”, le tipiche fontanelle meneghine. A pochi mesi dal suo debutto sul mercato Giassha già ottenuto importanti riconoscimenti, tra cui la Medaglia d’Argento alla San Francisco World Spirits Competition 2017 (SFWSC), di gran lunga la gara più prestigiosa al mondo per i distillati. Grazie al design della sua bottiglia, curato da Chiara Cappellini e Lorenzo Piccinini, Giass è stato premiato con la Silver Medal anche nella SFWSC Packaging Competition. Attualmente Giass sta muovendo passi consistenti all’estero, tra cui Singapore.

Giass, London Dry Gin milanese

 

Lusso Style ricorda che le bevande alcoliche sono vietate ai minori di anni 18 e che è importante bere responsabilmente 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *