,

Holiday Vip. Federico Salamone e Riccardo Agnetis: “Le nostre residenze di lusso extralberghiere”

Federico Salamone, Riccardo Agnetis

Godersi una delle più belle città del mondo, Roma, come foste a casa vostra. Ovviamente in una location esclusiva, lussuosa e ricca di confort e servizi! È questo il compito di Holiday Vip, una start up fondata da Federico Salamone e Riccardo Agnetis: gli immobili vengono affittati ad un pubblico selezionato e particolarmente esigente con il consenso al sub-affitto ad uso turistico.

Ma è anche un’oportunità di business, per chi vuole valorizzare e monetizzare il proprio immobile, destinandolo a questo tipo di mercato. Come? Lo abbiamo chiesto proprio a Federico Salamone e Riccardo Agnetis, in questa intervista doppia che ci svela il loro ambizioso progetto.

Riccardo, cosa propone la Holiday Vip ai suoi clienti?

Holiday Vip propone una scelta di strutture ricettive tutte dalle caratteristiche uniche. La posizione innanzi tutto, abbiamo selezionato le migliori ed introvabili location, uscire e trovarsi immerso tra gli storici vicoli di Trastevere, scendere sotto casa e cenare tra gli incantevoli ambienti di Via del Corso, affacciarsi tra i palazzi della bella Prati, sono tutte emozioni che trasmettiamo al cliente. La scelta è anche nella tipologia di sistemazione, oltre l’indipendenza di un appartamento si può optare per camere eleganti e raffinate che proponiamo nella centralissima Stazione Termini, più precisamente ai piedi della Basilica di Santa Maria Maggiore, un posto in cui fai il turista senza stress, tutto a portata di mano, ma sempre immerso in un ambiente elegante e raffinato, superiore ad un albergo stellato anche per i servizi offerti.

Federico, quali sono le caratteristiche degli immobili che proponete?

Penso a molti anni fa, tutti accompagnati dalla forte passione per il settore dell’ospitalità, la mia tesi di laurea sulle strategie delle attività extralberghiere nella quale sottolineavo l’importanza dell’accoglienza, del contatto con il cliente. Gli anni passano ed oggi nel turismo 2.0 il turista ricerca l’innovazione, i servizi digitali, e puntiamo proprio su questa evoluzione per i nostri ospiti. In tutte le nostre strutture si può accedere indipendentemente con sistemi di self check-in. Questo consente chi viaggia di limitare lo stress dovuto a ritardi dei trasporti, di poter accedere all’appartamento o alla camera in qualsiasi orario senza doversi accordare per orari di check-in e inoltre di non avere attesa per il check-in dovuta a ritardi da parte del proprietario. Oggi chi viaggia lo fa spingendo un tasto nel proprio smartphone e allo stesso tempo ricerca servizi fruibili e tecnologici. Oltre al “Self Check-in” abbiamo investito in domotica, all’interno delle strutture infatti si può scegliere il colore delle luci, della temperatura a distanza, si può ordinare una colazione all’americana, o il nostro cappuccino e cornetto, sempre spingendo un tasto. Ma anche il nostro front office, una vera reception che gestisce le strutture professionalmente, personale multilingue e h 24 pronto a soddisfare le esigenze dei nostri ospiti. 

Riccardo, quali sono le zone nelle quali è possibile usufruire dei vostri servizi?

Come già introdotto da Federico, tra le richieste per i nostri servizi di Porperty Management, abbiamo selezionato gli appartamenti più centrali perché la zona dove soggiornare è importante sia per il turista, sia per il business travel che ha esigenze specifiche. Termini, Via del Corso, San Giovanni, Trastevere, Piramide, Prati, Cipro, Ostia Lido, questi i quartieri dove oggi operiamo, ma stiamo lavorando per un’espansione su tutta la Capitale. Sul nostro sito www.holidayvip.it i nostri clienti possono vedere tutti gli appartamenti attivi e monitorare le nuove aperture; avendo diversi appartamenti in fase di ristrutturazione e allestimento. Ovviamente è importante selezionare le zona per i nostri processi interni legati alla logistica e sicuramente selezionare zone ben collegate e ben servite sarà un vantaggio competitivo per permettere la scalabilità. 

Federico, perché scegliere una soluzione extraalberghiera al giorno d’oggi?

Perché sentirsi come a casa propria quando sei lontano è importante, incide sulla vacanza e sul ricordo della stessa vacanza che ci porteremo sempre con noi. Il settore extraalberghiero offre sicuramente un ottimo rapporto qualità prezzo per il cliente finale e la massima elasticità di scelta. L’orientamento al cliente è uno dei nostri punti di forza principali.

Riccardo, quali sono i servizi che è possibile trovarvi?

All’interno delle nostre strutture sono presenti dei servizi “base” come ad esempio la fornitura della biancheria da notte e bagno, linea di cortesia bagno, cucina attrezzata. Pertanto è possibile customizzare l’offerta dei servizi a seconda delle esigenze dei clienti, ad esempio servizi di pulizia aggiuntivi o allestimento “family”.

Federico, uno dei vostri punti di forza è il concetto di “lusso accessibile”: come è possibile coniugare le due parole?

Sì, questo concetto è un po’ il nostro obiettivo che vogliamo realizzare. Dopo il successo di un prodotto di Property Management unico in Italia, che realizza il sogno di un proprietario di immobili che finalmente ottiene una rendita garantita e senza rischi, è ora il momento di realizzare le esigenze di chi viaggia che, per contenere i costi, non deve per forza scegliere l’appartamento gestito in maniera professionalizzata. È importante tenere presente che i tempi sono cambiati e la società ha subito negli ultimi anni modifiche economiche e sociali. Oltre ai “ricchi”, che sono rimasti tali, la classe media presenta sempre più difficoltà economiche, fenomeno che si riversa sicuramente nella scelta della vacanza, che rientra nelle esigenze non primarie. Tagliando i costi, accontentandosi a volte di strutture scadenti, riportano a casa un ricordo altrettanto scadente della vacanza stessa.

Riccardo, voi vi occupate quindi di immobili cui i proprietari non riescono a gestire e a far fruttare: in che modo agite?

Una volta identificato e selezionato un’immobile di nostro interesse possiamo procedere con due formule diverse: l’affitto dell’immobile oppure dei servizi di gestione. Nel primo caso il proprietario riceve un affitto mensile fisso e non ha ulteriori spese accessorie (ci prendiamo in carico la manutenzione ordinaria dell’appartamento), nel secondo caso invece il proprietario ha un’entrata correlata all’andamento dell’appartamento, infatti offriamo un servizio che ci viene remunerato attraverso una fee % relativa al fatturato mensile dell’appartamento. Quest’ultima formula permette al proprietario di guadagnare di più rispetto ad un affitto tradizionale ed è un vantaggio anche per la nostra società perché ci permette di non avere il costo fisso dell’affitto che ci limita nella scalabilità.

Federico, questo modo di valorizzare gli immobili potrà essere la panacea della crisi del valore degli immobili degli ultimi anni? 

Ci sono circa 8 milioni di immobili sfitti in Italia proprio a causa di una legge immobiliare sbagliata, che nella classica locazione vede trarre vantaggio il conduttore che spesso diventa moroso e difficile da sfrattare. Grazie ai nostri prodotti, il proprietario torna ad avere una rendita dall’immobile con serenità. Nel nostro piccolo ci sentiamo di aver dato un contributo importante andando a stimolare più settori simultaneamente, l’edilizia in quanto andiamo a ridare vita attraverso la ristrutturazione da parte delle nostre ditte partner, di immobili abbandonati da tempo. La compravendita immobiliare, nell’ultimo anno si sta verificando un fenomeno particolare, ovvero si avvicinano a noi non solo i proprietari di seconde case per affidarcele, ma anche chi non ha appartamenti da offrire ma soldi da investire per avere una rendita dalla nostra gestione. E’ un momento storico dove il valore delle case non è stato mai così basso, acquistare oggi significa spesso riuscire a realizzare un buon acquisto, che se poi si tramuta in una rendita sicura allora diventa un vero affare. Così abbiamo scelto noi immobili che terzi hanno acquistato ed anche in questo ci siamo specializzati, offrendo delle consulenze e guidando passo dopo passo nella compravendita il proprietario. Le suite che gestiamo in zona termini sono frutto proprio di un investimento immobiliare, un acquisto che ad oggi è diventato una rendita per il proprietario, aggiungerei una rendita più alta ma soprattutto più sicura rispetto ad altri investimenti nel settore immobiliare.

Riccardo, quali sono i vostri piani per il presente e per il futuro? 

Nel prossimo anno andremo a consolidare il nostro posizionamento, aumentando il numero di immobili gestiti e creando un format replicabile e scalabile senza perdere di vista l’orientamento verso il cliente che, come abbiamo detto, è il nostro punto di forza. Nel frattempo stiamo lavorando molto sulla formazione, da tempo abbiamo costituito l’Accademia Extralberghiera che ci vede impegnati in un’offerta di corsi per chi vuole gestire in prima persona gli immobili. L’uscita del libro “Le case fanno la felicità”, è stato un vero successo del 2017, il libro infatti risulta essere un vero punto di riferimento in questo settore dove la normativa regionale confonde e si mischia con le leggi civilistiche nazionali. Abbiamo iniziato per passione ad insegnare agli altri come meglio gestire immobili per turismo, ma è diventato un vero impegno. Abbiamo infatti strutturato un percorso formativo per l’avviamento di strutture extralberghiere, fornendo servizi di consulenza anche sul posto. Supportiamo il cliente che si rivolge a noi sia per la parte normativa che operativa, forniamo un supporto anche nel periodo successivo al corso di formazione, lavorando a stretto contatto con il cliente, strutturando dei tool utili alla gestione dell’attività sviluppati su misura. Siamo stati a Teramo, a Milano e ora siamo prossimi per la Corsica seguendo dal vivo e sul posto proprietari che, grazie al nostro now-how si immettono nel mercato con una vera marcia in più che poi fa la vera differenza con i competitor.  Abbiamo raddoppiato il fatturato delle consulenze e corsi di formazione rispetto all’anno precedente e ci stiamo orientando verso una fornitura di servizi “chiavi in mano” per chi vuole intraprendere questo percorso imprenditoriale. La nostra missione è quella di ridar vita agli immobili, più di 8 milioni, sfitti ed inutilizzati in Italia, un Paese che vive di turismo e che deve professionalizzare questo settore come investimento per il futuro. 

Tratto da Lusso Style di Marzo 2018

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *