I trend per l’inverno? Ce li svelano i brand del lusso!

Anche se l’Italia è attualmente spossata causa clima ballerino, possiamo dire che finalmente siamo alle porte dell’inverno. Quale momento migliore allora per rivedere il guardaroba se non durante il cambio di stagione? Dopo le presentazioni dello scorso anno alle varie Fashion Week mondiali, ecco i must have della stagione invernale 16-17 da inserire assolutamente nella cabina armadio di tutte.

Parola d’ordine: rosa cipria temptation. Colore estremamente femminile, elegante e delicato. Perfetto da portare ton sur ton con vestiti e accessori, ma anche facilmente accostabile con oro, argento e avorio.

Per chi non vuole rassegnarsi all’idea di un’estate ormai finita, sarà felice di sapere che il colore giallo rappresenterà anche la moda autunnale 2016. Indossarlo è facile, se questo colore sgargiante riesce a far sentire a proprio agio chi lo porta. Etro ha previsto per le più freddolose un morbido coat in alpaca e lana. MaxMara punta invece sui pantaloni a palazzo per illuminare le giornate. Per chi in giallo desidera solo un dettaglio, la scelta di Jimmy Choo con i suoi 12 cm di tacco; leggermente più basse quelle in vernice di Dolce&Gabbana.

Amore a prima vista, per le nuance di abiti con voile e seta ricamata di Valentino ad esempio, o per look più casual-chic come il classico pullover in maglia rasata di cashmere rosa antico di Chloé.

Si vedrà ancora una grande dose di animalier, presente su scarpe, maglie e cappotti. Ad esempio Prada propone un coat con maniche di pelliccia a contrasto. Moschino ripropone la sua veduta dell’animalier inserendolo invece nella box jacket.

Oltre agli abiti, non tralasciate poi la cura per i capelli. Quest’anno domina assolutamente la tendenza vintage che vuole il ritorno del taglio corto e deciso. Ecco allora chiome effetto sbarazzino parzialmente tenute a bada da trecce, code in stile rockabilly che diventano frange e volumi architettonici per gli chignon.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *