,

Il turismo di lusso è lungo il fiume

Con una domanda ai massimi storici, il settore delle crociere fluviali cresce costantemente e si prepara a un 2016 da record: a sostenerlo è l’agenzia nordamericana CLIA, la più grande associazione di categoria dell’industria crocieristica, nel suo recente report State of the Cruise Industry Outlook 2016.

In espansione è tutto il turismo navale con circa 24 milioni di viaggiatori previsti a bordo – un numero che comparato ai 15 milioni di soli dieci anni fa già da solo cattura l’attenzione – ma il settore in cui si assiste alla crescita maggiore è quello delle crociere fluviali, con un aumento della domanda del 10% solo nell’ultimo anno.

Qual è il segreto di tale successo? Con questa tipologia di viaggi è possibile offrire ai passeggeri di scoprire più destinazioni memorabili in un periodo breve, navigando i fiumi più famosi e storici del mondo. “Con l’aumento della domanda delle crociere fluviali cresce, ora più che mai, il numero di offerte e destinazioni a disposizione dei viaggiatori – sottolinea Cindy D’Aoust, Presidente e Amministratore Delegato di CLIA. Alla possibilità di navigare per l’Europa sul fiume Reno o Danubio, si aggiunge la scelta di crociere fluviali in Sud America, Asia, Africa e USA, aprendo le porte ai passeggeri verso alcune delle destinazioni più autentiche e apprezzate del mondo”.

Tra i percorsi più accessibili e battuti c’è sicuramente il Nilo, uno dei corsi d’acqua in assoluto più conosciuti e lungo oltre 4000 miglia, un itinerario che permette di osservare lussureggianti foreste pluviali e visitare antichi templi, sulle orme dei Faraoni. Breve crociera ma molto gettonata è quella sul fiume Zambesi, dove ammirare con una cena al tramonto il potente getto delle cascate Victoria, tra Zambia e Zimbabwe. Risaie e valli di pesca asiatiche fanno da sfondo a chi intraprende un viaggio sul fiume Mekong, che segna gran parte del confine tra Laos e Tailandia, alla scoperta delle bellezze di questi due paesi e del Triangolo d’Oro, vicino alla Birmania, dove ammirare su comode navi in stile coloniale (dotate di ogni comfort) le antiche pagode che costellano il paesaggio. In Sud America è possibile optare per un viaggio lussuoso lungo il Rio delle Amazzoni con escursioni nella giungla alla scoperta di migliaia di anni di storia e bellezza tropicale. In Australia sono presenti varie possibilità per viaggi fluviali ma la più celebre è sicuramente la crociera sul Murray River che nasce dalle Alpi Australiane per sfociare vicino ad Adelaide, passando tra canyon, deserti e montagne rocciose.

Grazie alla sua conformazione geografica, è però l’Europa uno dei continenti col maggior numero di fiumi navigabili e certamente quello in cui il turismo fluviale è più radicato. Anche il colosso della crocieristica di lusso Crystal Cruise ha in cantiere cinque nuove navi fluviali, che si aggiungono a quelle già presenti, un modo per ammirare grandi capitali come Parigi sulla Senna, Mosca lungo “la via degli zar” o Budapest sul Danubio. Proprio sul Danubio si concentrano le crociere fluviali più gettonate e da luglio 2016 la Crystal Cruise inaugura la nuova extralusso Crystal Mozart che percorre il fiume con visite a Linz, Vienna e Bratislava per poi arrivare alla capitale dell’Ungheria. Vicino a Orléans, la Valle della Loira è da tempo un itinerario di grande successo, con tappe nei castelli rinascimentali più belli di Francia e la possibilità di testare i vini della zona. Per romantici paesaggi ideale è anche un viaggio sul Reno, il fiume che attraversa la Francia del sud, le colline del Liechtenstein, le foreste della Germania fino ai campi di tulipani colorati dell’Olanda.

Per chi ha poco tempo ma non vuole rinunciare al trend dell’estate 2016 in quanto a viaggi, è possibile scegliere crociere fluviali di poche ore sulle acque delle migliori mete culturali europee. Un esempio? La crociera in battello sui canali di San Pietroburgo, alla scoperta di bellissimi palazzi e dell’Hermitage, antica dimora degli Zar e oggi terzo museo al mondo per la vastità delle sue collezioni.

 

Tratto da Lusso Style di Luglio/Agosto2016

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *