,

In VIAGGIO… CON BACCO!

Difficile rinunciare al piacere di un buon bicchiere, soprattutto in vacanza: dalla California all’Isola del Sud della Nuova Zelanda, sono tantissime le strutture e le regioni attrezzate per degustazioni e tour enologici in giro per il mondo. Gli amanti del vino pronti a scegliere la meta delle proprie ferie hanno veramente grandissima scelta, con Italia e Francia prime su tutte le Nazioni.

Esplorare il territorio italiano e la sua affascinante tradizione viticoltrice è un piacere per stranieri e non solo: tour enologici in Toscana, nella zona del Chianti, o in Piemonte – nel territorio delle Langhe, dove è possibile scoprire la produzione del famoso Barolo – sono certo tra i più noti, in crescita sono però anche la Strada del Sagrantino in Umbria o la zona delle colline del Garda Veronese e la Valpolicella in Veneto. Di particolare fascino è anche l’itinerario campano che prevede non solo degustazioni di ottimi vini ma anche visita della costiera Amalfitana, con due dei siti archeologici più famosi al mondo, Pompei e Paestum. Molto interessante è anche la crociera SeaDream Wine Voyage che tocca i principali porti del Mediterraneo, offrendo sia la possibilità di scoprire realtà vinicole di diversi Paesi – con cene con i viticoltori ed escursioni tra i vigneti più famosi – sia la scelta a bordo di una grande selezione di vini.

Francia e Spagna: paradisi del settore

Oltrepassando le Alpi, la secolare tradizione vinicola francese accoglie il visitatore con cantine e storie che faranno emozionare anche i più scettici. I veri intenditori sicuramente programmeranno una tappa a Bordeaux, la città con la più alta concentrazione di vini pregiati del mondo, visitando le cantine più esclusive e rinomate della regione, come Château Lafite-Rothschild e Château Latour. Spostandosi nella Loira, oltre ad ammirare gli splendidi castelli risalenti al XV e al XVI secolo, è interessante scoprire i 73mila ettari vitati dove nascono i raffinati vini della regione, come i rossi di Chinon e Bourgueil o i bianchi di Vouvray. Rimanendo sul bianco anche l’Alsazia ha molto da offrire, con precorsi tra le vigne delle campagne di Strasburgo. Chi adora le bollicine non potrà invece esimersi dal visitare, nella Francia settentrionale, la regione di Champagne, con una tappa alle Ruinart: nelle cantine di champagne più antiche del mondo, fondate nel lontano 1729, è possibile degustare alcune delle etichette migliori di champagne della zona come il Billecart-Salmon, il Veuve Cliquot e il Moët et Chandon/Dom Pérignon. Arrivando in Spagna, in Andalusia, si incontrano cantine di sherry tra i vigneti della Mancia mentre più a nord, dai paesi Baschi fino a Barcellona, sono i vigneti di La Rioja, Priorat e Montsant protagonisti.

Oltre l’Europa

Al di fuori del vecchio continente molte ancora le proposte per gli amanti del turismo enologico: in California è possibile intraprendere un viaggio all’insegna di Pinot neri e Cabernet, visitando i vigneti della Sonoma Valley e della Napa Valley, mentre per scoprire i migliori vini sudafricani, apprezzati in tutto il mondo, ci si può recare intorno a Città del Capo visitando Walker Bay, Stellenbosch, Swartland e Constantia. Per rimanere poi sempre aggiornati sulle mete e sugli itinerari più amati dai viaggiatori basta controllare TripAdvisor, il famoso sito travel per la pianificazione e prenotazione, che rivela i tour enologici più in voga: sul podio Squire Livery Tours in California, Wine Tour in Tuscany a Siena e Santorini Wine Adventure Tours a Fira, in Grecia. Segue l’Australia, con un tour nello stato di Victoria, ancora Stati Uniti con Washington e Italia con Firenze. Al settimo posto compare l’Isola del Sud della Nuova Zelanda, seguita da un tour nella regione francese Aquitania e la sudafricana provincia del Capo Occidentale. Decimo posto invece per Trout & Wine Tours di Cuyo, la regione dell’Argentina centro-occidentale caratterizzata da un territorio montuoso e nota per la produzione vinicola.

 

Tratto da Lusso Style di Giugno 2017

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*