Jeff Bezos è il più ricco del mondo: il 2017 è stato davvero grandioso per i paperoni!

È una delle classifiche più attese di fine anno, quella sui Paperoni del nostro mondo. Chi è il più ricco del pianeta? Bloomberg Billionaires Index, che monitora il patrimonio delle 500 persone più ricche del mondo, ha reso noto che in testa alla lista dorata c’è una novità importante.

Bill Gates, fondatore della Microsoft, infatti, è stato superato (già nel mese di ottobre) da Jeff Bezos, numero uno di Amazon. Il creatore del sito di e-commerce più famoso al mondo, ha visto lievitare il suo patrimonio personale di 34,2 miliardi di dollari, arrivando ad un capitale totale di 99,6 miliardi ed è ora il più ricco del mondo. Alle sue spalle Bill Gates si consola comunque con 91,3 miliardi di dollari a sua disposizione.

Sul podio è sempre stabile Warren Buffet che con i suoi 85 miliardi si piazza a terzo posto con Amancio Ortega, fondatore del brand Zara, a tallonarlo con 75,5 miliardi di dollari nel “portafogli”. Si può dire soddisfatto anche il cofondatore di Facebook, Mark Zuckerberg, che si classifica quinto con 72,6 miliardi di dollari.

A seguire, troviamo Bernard ArnaultCarlos Slim, Larry Ellison, cofondatore di Oracle, Larry Page, cofondatore di Google, e Ingvard Kamprad, fondatore di Ikea.

Molto lontani gli italiani, tra i quali al 33º posto troviamo Giovanni Ferrero che può vantare un patrimonio di 24,2 miliardi di dollari, seguito da Leonardo Del Vecchio di Luxottica che si trova in 37ª posizione con 22,5 miliardi. Decisamente “più povero” Silvio Berlusconi con 8,5 miliardi (177º) e, poco più giù, Giorgio Armani che occupa la occupa la 191ª posizione.

In generale, bisogna dire che il 2017 è stato per i ricchi un anno davvero memorabile: infatti hanno visto aumentare il proprio patrimonio del 23%, ovvero di 1.000 miliardi di dollari, arrivando a circa 5.300 miliardi di dollari. Davvero niente male in tempi che sono tuttora considerati di crisi…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *