,

Lamborghini Christmas Drive, il superSUV URUS e LM002 giganti d’inverno

Lamborghini Christmas Drive

Il presente e il passato per celebrare il Natale, ovviamente tutto in stile Lamborghini. Nell’anno del debutto del superSUV Urus, la Casa del Toro ha voluto regalarsi il Lamborghini Christmas Drive, un tour di 750 chilometri dal 13 al 14 Dicembre, per permettere di provare la guida della Urus e del suo progenitore, la LM002, in condizioni invernali e sulle strade di montagna che più esaltano il piacere di guida e la sportività dei due mezzi.

Ad accogliere il convoglio, la splendida città di Brunico, meta turistica per le vacanze sia invernali che estive, dal cui territorio arriva lo spettacolare albero di Natale che decora il giardino della sede di Sant’Agata, nel suo caratteristico centro storico e al mercatino di Natale.

Un’atmosfera magica a far da sfondo alle splendide creazioni di Lamborghini del presente e del passato. Successivamente, con temperature polari, il gruppo delle vetture del Toro si è poi diretto al Lago di Braies, completamente ghiacciato ed innevato, location che ha permesso la prova delle vetture in condizione “neve”.

Della Urus si sa più o meno tutto, ivi compreso il fatto che sia il SUV più potente al mondo. La LM002 nera, è una terza serie di proprietà di Lamborghini, telaio #12231, è stata deliberata nel del 1990 e consegnata al concessionario Mediterranea di Nizza per essere poi ritirata dal primo proprietario, residente a Monte Carlo. Tornata in seguito nella proprietà di Automobili Lamborghini, è stata sottoposta a restauro completo da parte del Polo Storico. I lavori di ripristino, iniziati nel 2016 e terminati nel 2017, hanno visto coinvolta la carrozzeria e gli interni, mentre per la parte meccanica si è effettuata un’accurata revisione.

Un somma, per gli amanti di uno dei brand dell’automotive più affascinanti del mondo, è stata l’occasione vedere da vicino due iconici modelli che sono ormai di diritto nella storia di Lamborghini.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *