Maserati Levante: arriva il SUV del Tridente

Maserati Levante

Ed anche Maserati ora ha il suo SUV. Si chiama Levante e sarà presentato ufficialmente in occasione del prossimo Salone dell’Auto di Ginevra. Il nuovo modello va a completare la gamma attuale delle berline e delle sportive di Modena, arricchendo l’offerta insieme a Quattroporte, Ghibli, GranTurismo e GranCabrio.

Le linee del SUV Levante riportano al design classico del marchio Maserati e alla sua essenza: il frontale appare aggressivo e poderoso e introduce proiettori scomposti in due elementi, con il gruppo fari superiore collegato alla calandra. Sulla fiancata sono ben visibili gli stilemi classici del Tridente: le tre iconiche uscite aria sul parafango anteriore, il montante C trapezoidale con il logo a saetta e l’ampia vetratura a giorno. Nella zona posteriore si evidenzia il lunotto molto inclinato e dalla forma rastremata, elementi tipici di una vettura sportiva e ad alte prestazioni.

Performance stradali straordinarie, tipiche di ogni modello Maserati, dinamica di guida esaltante anche su fondi a scarsissima aderenza, il tutto unito a prestazioni brillanti senza compromettere il confort in situazioni di off road: sono queste le caratteristiche che hanno ispirato i creatori del telaio del Maserati Levante. Inoltre, sofisticate sospensioni elettroniche a smorzamento controllato con molle ad aria regolabili su più livelli, sistema a trazione integrale intelligente “Q4” e cambio automatico a 8 velocità con tarature specifiche sviluppate per il nuovo SUV del Tridente, lo rendono assolutamente unico nel suo genere.

Il nuovo SUV Maserati Levante, sarà disponibile sia in versione benzina che diesel. C’è da scommettere che sarà uno dei modelli più acclamati al Salone di Ginevra e chi avrà la possibilità di metterci le mani (e tutto il resto), certamente non si farà scappare l’occasione di versare un lauto acconto per bloccare uno dei primi modelli che usciranno dalla catena di montaggio di Mirafiori, a partire dalla prossima primavera.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *