NonostanteMarras, il Fuorisalone a Milano fra design, moda e sapori gastronomici

0
112
Nonostantemarras Fuorisalone Milano
Foto: Daniela Zedda

Il Fuorisalone a Milano, si sa, assume un’importanza strategica sia per il Salone del Mobile di Milano stesso, sia per i brand di vari settori che, approfittando dei riflettori accessi sul capoluogo lombardo, creano situazioni ad hoc per sperimentare, ma anche per mettere in evidenza le proprie eccellenze. Antonio Marras, per l’occasione, ha messo in bella mostra un concept store, nella centralissima via Cola di Rienzo, che vuole parlare a un pubblico eterogeneo, pensato come evoluzione sensoriale dello shopping tradizionale.

Si chiama NonostanteMarras, è nato dal genio di Antonio Marras, ed è ha l’ambizione di divenire un centro nevralgico di alcune importanti collaborazioni legate al Fuorisalone. All’interno del concept store, pensato in partnership con Nodo Italia, marchio di arredo outdoor italiano, si conferma la presenza del Temporary Bistrot & Restaurant “Famiglia Rana”, la cui la proposta gastronomica vuole rappresentare un incontro di sapori tipici del ristorante e quelli dedicati ai sapori della terra sarda, isola d’origine di Marras. 

“Il mare dove non si tocca”, un percorso di emozioni

Lo stilista sardo condurrà per mano gli spettatori che avranno possibilità di cenare nell’eclettica sala Atlantide, di esplorare le profondità più misteriose e affascinanti. Concederà loro l’immersione necessaria per indagare e vivere “Il mare dove non si tocca”.

In pratica, lo showroom sarà un luogo sospeso tra emozione e racconto, dove il blu, colore del mare, sarà al centro del progetto. Dalle tovagliette e dai sottopiatti del Temporary Bistrot alle pareti, che saranno decorate con la carta da parati di altissima qualità diWall&decò, azienda leader dell’arredo contemporaneo.

I soggetti delle decorazioni sono marinai a mezzo volto, con addosso le emblematiche maglie a righe. Alle loro spalle schizzi di blu che tinteggiano le onde. Le immagini e le storie della gente di mare che “bacia, lascia una promessa, se ne va e mai più torna”, che hanno ispirato Antonio Marras.

Le ceramiche arricchiranno la complessità dell’identità creativa dell’allestimento, realizzato proprio dall’artista sardo. L’esposizione verrà installata nel seminterrato dello showroom NonostanteMarras e sarà caratterizzata dalla simulazione artistico-prospettica di un labirinto di  porteve-trate di legno consunto, che ne rappresenteranno il perimetro e orienteranno il percorso degli spettatori. Suggestioni, fatte di lampade e porte-vetrate, che abitavano già Antonio Marras e che lo hanno ispirato nella realizzazione di 200 lanterne e 150 Orfanelle, in occasione di “Open. L’arte in centro” a Napoli, e della mostra “Nulla dies sine linea” esposta alla Triennale di Milano.