, ,

Ocean Cay MSC Marine Reserve, l’isola privata dei croceristi di MSC

Bahamas, Ocean Cay MSC Marine Reserve

Ocean Cay MSC Marine Reserve, un’isola caraibica sulla quale potranno mettere piede solo ed esclusivamente i croceristi di MSC Crociere. Un sogno? No, una realtà che a un anno dalla sua inaugurazione, sta prendendo forma sempre più.

Infatti, su Ocean Cay MSC Marine Reserve, MSC Crociere ha dato inizio alla fase finale dei lavori, piantando i primi alberi sull’esclusivo atollo delle Bahamas ed entrando così nel vivo del progetto che vedrà la trasformazione di un vecchio sito industriale, votato all’estrazione della sabbia, in una rigogliosa riserva marina privata, dove i partecipanti alle crociere di MSC potranno vivere momenti indimenticabili.

Nel piantare personalmente uno dei primi alberi di Ocean Cay, Pierfrancesco Vago, Executive Chairman di MSC Cruises, ha commentato: “È stato un momento davvero speciale poter essere sull’isola insieme a tutta la squadra che sta lavorando senza sosta su questo progetto fantastico e toccare con mano come la nostra idea stia iniziando a prendere forma. Le parole non riescono a trasmettere la straordinaria bellezza naturale di questo luogo. Solo stando qui da soli, circondati unicamente da un bellissimo oceano e senza nient’altro all’orizzonte, è possibile capire ciò che stiamo realizzando. Non vedo l’ora di accogliere i primi ospiti in questo luogo davvero magico, un’isola unica che detterà nuovi standard di esperienza nell’ambito delle isole private dei Caraibi”.

Il progetto prevede la semina di oltre 75.000 piante e arbusti autoctoni, appartenenti a più di 60 specie di alberi, piante, fiori e arbusti caraibici, con l’obiettivo di creare un ambiente tropicale naturale e lussureggiante. Inizieranno presto anche i lavori per costruire oltre 100 strutture ecocompatibili, tra cui bar, ristoranti e alloggi per il personale che vivrà sull’isola. A breve partirà, inoltre, la costruzione del faro, destinato a diventare un riferimento iconico del luogo e punto nevralgico dell’intrattenimento serale.

Ma non è tutto. Tra le caratteristiche principali del progetto vi è la realizzazione di un molo che permetterà alle navi di attraccare direttamente sull’isola, consentendo così agli ospiti di salire e scendere dalla nave per l’intera giornata e nel corso della sera. MSC Crociere ha curato nei minimi dettagli ogni aspetto dell’isola, creando un’esperienza “bahamiana” autentica e coinvolgente che permetterà ai crocieristi di vivere pienamente questo splendido contesto. Il tutto, senza compromettere l’ecosistema locale: l’azienda sta dedicando infatti il massimo degli sforzi alla tutela e al sostegno del mare e dell’ecosistema locale, ricreando il fondale marino che circonda l’isola, destinato così a ripopolarsi con una fauna marina vivace e variegata.

“Stiamo assistendo al ritorno della vita marina in quest’area – ha proseguito Vago – nello specifico di aragoste, conchiglie, razze e altre specie. Le acque intorno all’isola torneranno presto a brulicare di vita e di nuovi coralli. In quanto azienda caratterizzata da una tradizione marinara così ricca, la tutela degli oceani riveste per noi la massima importanza. Ocean Cay rappresenta un’opportunità meravigliosa di proteggere un piccolo angolo di paradiso, permettendo ai nostri ospiti di farne esperienza”.

Il progetto Ocean Cay MSC Marine Reserve è stato sviluppato per creare un impatto positivo e di lungo termine sia sull’ambiente sia sulla comunità delle Bahamas. MSC Crociere ha utilizzato, ove possibile, materiali e fornitori locali; a fine progetto, oltre 800 abitanti delle Bahamas avranno collaborato alla realizzazione della nuova isola. Circa 140 persone del luogo verranno assunte per lavorare sull’isola, ricoprendo ruoli tecnici e di gestione, di guardiani, bagnini e soccorritori.

Ocean Cay MSC Marine Reserve verrà inaugurata a novembre 2019. Vi approderanno quattro navi, facendo scalo sull’isola in giorni diversi. Ulteriori dettagli sull’esperienza di Ocean Cay verranno resi noti nei prossimi mesi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *