,

Spirit of Portopiccolo vince la Venice Hospitality Challenge 2018

Venice Hospitality Challenge 2018

La quinta edizione della Venice Hospitality Challenge, la regata di maxi yacht che si sfidano nel Bacino di San Marco, si è conclusa con la vittoria Overall e in Classe 1 dell’imbarcazione Spirit of Portopiccolo, in rappresentanza dell’hotel Ca’ Sagredo.

Quello che è ormai da considerarsi come il Gran Premio velico della Città di Venezia, ha visto lo skipper di Spirit of Portopiccolo Furio Benussi prendere il comando fin dalla partenza, dominando lungo il suggestivo percorso e tagliando per primo il traguardo nel canale della Giudecca.

Vittoria meritata, ma non scontata, dato che per lunghi tratti Way Of Life, in rappresentanza dell’hotel The Gritti Palace ha dato filo da torcere. “E’ stata una bellissima vittoria”, ha commentato Furio Benussi, che ha aggiunto: “l’equipaggio si è mantenuto concentrato, siamo felici di essere i defender anche per la prossima edizione”.

Non può che essere pienamente soddisfatta anche Lorenza LainGeneral Manager di Ca’ Sagredo Hotel: “Abbiamo vinto per la terza volta consecutiva, la seconda con Spirit of Portopiccolo, io e lo staff di Ca’ Sagredo siamo veramente felici per questo risultato, in una manifestazione molto importante per tutta la Città di Venezia”.

Secondi al traguardo Way of Life – The Gritti Hotel timonata da Gaspar Vincec e terzo assoluto al traguardo, primo di classe 2, Pendragon VI – Hilton Molino Stucky timonato da Lorenzo Bodini.

Mirko Sguario ideatore e patron della Venice Hospitality Challenge ha commentato: “Siamo giunti già alla V edizione di questa manifestazione unica dello Yacht Club Venezia, una realtà giovane che si sta imponendo con la realizzazione di eventi molto diversificati per tipologia, che mirano ad attirare l’attenzione su Venezia e sulle sue straordinarie potenzialità. La VHC rappresenta senza dubbio il fiore all’occhiello delle manifestazioni veliche della Serenissima per il suo concept unico e quest’anno ringraziamo in particolare modo il Dott. Riccardo Bonadeo, Commodoro dello Yacht Club Costa Smeralda, unitamente a Mauro Pelaschier per l’impegno profuso nel progetto One Ocean a tutela dei mari, progetto etico di portata internazionale che deve essere per noi tutti un esempio da seguire”.

Alla cerimonia di premiazione, che si è svolta presso il VYP Venice Yacht Pier, sono intervenuti personaggi di alto rilievo della vela internazionale, come il Presidente di World Sailing Kim Andersen.

Durante le premiazioni Mirko Sguario ha consegnato inoltre il cappello del doge “Ambassador”, realizzato dalla storica vetreria muranese B.F. Signoretti, a Riccardo Bonadeo, Mauro Pelaschier e Marco Gradoni, con l’augurio che possano diventare ambasciatori nel mondo della Venice Hospitality Challenge, l’unica regata al mondo che si svolge in un circuito cittadino.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *