Sugli aerei del futuro con la testa fra le nuvole

0
41

Fino a poco più di un secolo fa, volare era impensabile ma l’uomo continua a sognare e cerca di spingersi oltre i limiti dell’aviazione conosciuti, studiando soluzioni sempre più rivoluzionarie e all’avanguardia, che spaziano dagli aerei ecologici alimentati dall’energia solare a quelli supersonici che, almeno in teoria, sarebbero capaci di viaggiare da un’estremità all’altra del mondo in tempi ora impossibili.  Per lavoro o per svago, viaggiare in aereo è ormai parte integrante delle nostre abitudini. A rendere gli spostamenti sempre più flessibili e ricchi di servizi è la personalizzazione dell’esperienza di volo, a partire da cibo e navette fino ad arrivare al comfort dei sedili utilizzati.

Non solo. Sembrerebbe che gli aerei del futuro offriranno una visione panoramica senza avere alcun finestrino. Come? Nel Regno Unito, scienziati e ingegneri del CPI (Center for Process Innovation) stanno sviluppando delle tecnologie con schermi ultra flessibili e ad alta risoluzione in grado di creare un “enorme schermo digitale” che ricopre tutta la fusoliera dell’aereo.

La sensazione di volare si amplificherà

Sembrerà di trovarsi a cielo aperto come se l’aereo fosse trasparente ma in realtà, grazie ad alcune sofisticate telecamere esterne, sarà possibile offrire ai passeggeri una vista panoramica del cielo, consentendo a tutti di personalizzare il proprio viaggio, variando la luminosità e cambiando la vista dal proprio finestrino. E così i più romantici potranno proiettarsi a Parigi di fonte alla Tour Eiffel, mentre i più malinconici potranno abbandonare cielo sereno e distese di soffici nuvole per lasciare spazio alla vista di acquazzoni e cieli più cupi. Preparatevi a comodità, coinvolgimenti emozionali e lusso, ma il risvolto di questo progetto sarebbe anche green. Con la tecnologia OLED (Organic Light Emitting Diode), la fusoliera dell’aereo sarà ricoperta dai sottilissimi e leggerissimi schermi, ottimizzando spazio e riducendo il peso del velivolo e, di conseguenza, l’inquinamento. L’eliminazione dei finestrini migliorerà la resistenza e la sicurezza della cabina dell’aereo, che avrà bisogno di meno carburante e produrrà meno emissioni di CO2 nell’atmosfera, con costi operativi inferiori. I finestrini, infatti, aggiungono molto peso alla cabina per i materiali con i quali sono costruiti, mentre lo schermo, superflessibile, pensato per avvolgere la fusoliera e anche il retro dei sedili (per un video sul mondo di fronte ad ogni passeggero), è di un materiale leggerissimo. La tecnologia OLED, per schermi superflessibili, sarà ulteriormente sviluppata in sinergia con gli ingeneri aereospaziali nel giro di qualche anno e adattata agli aerei in tempi forse più lunghi. Ma si prevede che questo sia il futuro dei voli ad alta quota.

Un’esperienza super esclusiva

Tra gli altri progetti simili, l’Airport Parking & Hotels in collaborazione con l’Imperial College di Londra ha disegnato un aereo con mille posti a sedere, monitor per film in 3D, una spaziosa sala lounge e, sulle pareti, addio ai classici finestrini che saranno anche in questo caso sostituiti da schermi dove saranno proiettate le immagini. Un velivolo da sogno che nel 2050 potrebbe diventare realtà. Le pareti dell’aereo saranno ricoperte da schermi su cui verranno proiettate immagini rilassanti, film o il panorama esterno. Con una struttura aereo più affusulata, l’aereo avrà ali più corte e più larghe e i motori consumeranno meno combustibile fossile e più idrocarburi. Le poltrone dei passeggeri saranno più spaziose e comode circondate da visiere che mostrano film e giochi in 3D. L’arredamento interno sarà fatto in microlattice, un metallo ultraleggero sviluppato da Boeing, la più grande costruttrice statunitense di aerei. In generale, il nuovo mezzo sarà molto più spazioso e consentirà ai passeggeri di muoversi al suo interno senza problemi.

Lo skydeck: roba da pazzi!

Per un’esperienza ancora più esclusiva bisogna spostarsi negli USA, dove la Windspeed Technologies sta mettendo a punto SkyDeck, un sistema rivoluzionario creato per offrire una vista mozzafiato mentre si è in volo, all’interno di una postazione speciale per due persone sul tetto dell’aereo.  Si tratta di una cupola semi esterna che consentirà un contatto diretto con il cielo. SkyDeck può essere proposta in una varietà molto ampia di aerei, sia privati che di linea ma resterà per molto tempo un’esperienza unica riservata a persone facoltose e VIP. Di cosa si tratta nel dettaglio. SkyDeck può incorporare una serie di combinazioni per rendere l’esperienza di volo un vero e proprio momento di relax: oltre ad una capsula ad uno o due posti, posta sulla sommità dell’aereo, SkyDeck può integrare altri elementi come una scala mobile ed una piccola suite per creare un ambiente più raccolto.  Accessibile da una scala o da un comodo ascensore, la cabina potrà ruotare a 360 gradi, offrendo un’esperienza di volo davvero unica. Un’idea pensata per chi si annoia durante i voli lunghi ma principalmente per chi può permettersi qualche ‘capriccio’. Il costo? Si stima una cifra compresa tra gli 8 e i 25 milioni di dollari. Un lusso che solo pochi potranno permettersi.

Tratto da Lusso Style di Settembre 2016