,

Svelata la BMW R nineT Scrambler “Masters”: per gli appassionati di golf

Un esemplare straordinario che unisce la passione per le motociclette a quella per il golf. In occasione della 75ª edizione dell’Open d’Italia, è stata svelata una concept bike dedicata a tutti gli appassionati di golf: la BMW R nineT Scrambler “Masters” realizzata in collaborazione con il customizer Unit Garage.

Come tutto il resto della  gamma R nineT, anche la Scrambler di BMW Motorrad nasce con l’intento di realizzare il desiderio di numerosi appassionati di motociclismo di poter modificare la loro moto in base alla creatività e al gusto personale. La gamma degli interventi possibili varia dagli Accessori originali BMW fino a componenti da postmontare e accessori costruiti da preparatori di moto come pezzi singoli, così da creare un esemplare veramente unico. È proprio da questa ampia possibilità di personalizzazione, che è nata l’idea di realizzare una Scrambler customizzata per i motociclisti amanti del golf.

La R nineT Scrambler “Masters” è stata equipaggiata con una serie di accessori dell’ampio catalogo di Unit Garage, disponibili per tutte le moto della gamma R nineT. Tra gli altri, saltano immediatamente all’occhio il manubrio “ergonomico” con paracolpi in cuoio marrone, il portapacchi con fascia serbatoio marrone, le borse laterali in canvas beige con inserti in cuoio supportate dai relativi telaietti, il portatarga alto, il terminale di scarico in titanio con doppia uscita alta in puro stile Scrambler. La sacca da golf verrà realizzata su richiesta e in piccola serie.

La Scrambler di BMW Motorrad punta sul classico brioso motore Boxer raffreddato ad aria che da oltre nove decenni è sinonimo di design inconfondibile, di sviluppo di coppia rotondo e di una sonorità unica. Nella R nineT Scrambler è stato montato il Boxer dalla cilindrata di 1170 cm3 con raffreddamento aria/olio. Il motore eroga 81 kW (110 CV) a 7.750 g/min e sviluppa una coppia massima di 116 Nm a 6.000 g/min.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *