Articoli

Ferretti Custom Line 112’ Next: obiettivo Thailandia

Si chiama Happy Days, è stato acquistato da un armatore europeo, ed è il primo Ferretti Custom Line 112’ Next che approderà in Thailandia.

È lungo 34 metri e largo 7 ed è stato varato lo scorso 9 luglio presso i cantieri CRN. Il legittimo proprietario se lo vedrà consegnare entro la fine di questo mese. Frutto della collaborazione tra Studio Zuccon International Project, AYTD – Advanced Yacht Technology & Design, e il team di ingegneri, architetti e designer del Gruppo Ferretti, Custom Line 112’ NEXT è estremamente elegante come da tradizione ed assicura una navigazione davvero confortevole in ogni dettaglio. Il fortunato neoproprietario, ha avuto modo di scegliere tra un’ampia possibilità di personalizzazioni:  dagli elementi non strutturali dello yacht, come i decori, selezionabili tra materiali di pregio quali legni, pellami e stoffe, ai complementi d’arredo, grazie alle collaborazioni con alcuni tra i migliori brand del made in Italy.

Salone di 45 metri quadri, pozzetto di 22, la cucina di 11: sono questi solo alcuni dei numeri strabilianti che descrivono il confort a bordo di questa imbarcazione. Un’ampia finestratura regala una grande luminosità, così come le  finestre open view a pelo d’acqua nelle cabine. E poi, un immenso flybrige in teak, completo di una ampia zona prendisole con Jacuzzi integrata, e attrezzato con dinette, grill e  mobile bar. Insomma, un capolavoro di eleganza, stile e tecnologia.

Dopo il debutto assoluto in Asia Pacific di Ferretti Custom Line 112’ NEXT, lo scorso novembre sull’isola di Hainan, nel sud della Cina, questo è un altro importantissimo giorno per tutto il Gruppo ed in particolare per il nostro team – ha commentato Alessandro Tirelli, Ferretti Group Asia Pacific Sales Director, in occasione del varo –. La Thailandia, infatti, rappresenta da tempo uno dei mercati strategici dell’intera area e, insieme al nostro dealer locale Lee Marine, stiamo lavorando alacremente per aumentare anno dopo anno la presenza dei nostri yacht sul territorio. ‘Happy Days’, prima unità di Custom Line 112’NEXT ad arrivare in Thailandia, rappresenta quindi un importante obiettivo raggiunto, a conferma dell’impegno congiunto insieme al nostro partner, e uno stimolo per crescere ancora nel sud-est asiatico”.

Ferretti 960, inizia un nuovo corso

 

L’obiettivo è sempre lo stesso e rappresenta la filosofia dell’azienda: realizzare prodotti senza eguali nella propria categoria. Su queste basi nasce la nuova ammiraglia della Ferretti Yachts, la Ferretti 960, la più grande imbarcazione planante da diporto progettata e realizzata dal marchio.

Interamente costruita nello stabilimento del Gruppo a Cattolica, è il risultato della collaborazione fra lo Studio Zuccon International Project, AYTD – Advanced Yacht Technology & Design e il team di ingegneri, architetti e designer del Gruppo Ferretti, mantiene il design dello scafo e le linee d’acqua della 881, di cui di fatto ne rappresenta l’evoluzione.

In virtù dei suoi 29,20 metri di lunghezza fuori tutto e i 23,98  metri di lunghezza di costruzione, rientra a pieno nella categoria di progettazione CE e può dunque essere gestita senza l’ausilio di un comandante professionale, offrendo tuttavia un’abitabilità straordinaria. È la prima del brand ad avere la cabina armatoriale a pruavia sul ponte principale e quattro dedicate agli ospiti nel ponte inferiore, tutte di simili dimensioni e allestimento, dunque ovviamente di altissimo livello. A disposizione dell’equipaggio, tre confortevoli cabine con accesso riservato dalla cucina, soluzione ideale per assicurare massima privacy all’armatore e ai suoi ospiti.

Dal punto di vista del design, Ferretti con la 960 ha voluto dare il via ad un nuovo corso per quanto riguarda gli scafi plananti dalle grandi dimensioni. Infatti, la superficie vetrata lungo il ponte principale lo taglia da poppa fino all’estremità della prua, alleggerendo di fatto il profilo dell’imbarcazione e regalandole un’immagine decisamente più sportiva. La falchetta ribassata a centro barca su entrambe le murate, in corrispondenza della zona dining, contribuisce ad aumentare la luminosità all’interno e regala all’esterno un design più leggero. La plancia sopraelevata permette di sfruttare al meglio gli spazi interni del ponte principale. Anche quelli esterni sono notevolmente aumentati. Il flybridge, di grandissime dimensioni, è dedicato esclusivamente al relax.

La Ferretti 960 prevede tre tipi di motorizzazione, la standard con due motori 16V 2000 M84 che erogano 2.218 mhp di potenza, che le permettono di arrivare a 27,5 nodi di velocità di punta e 24 di crociera. Le due alternative sono quelle che prevedono una coppia di motori 16V M93 dalla potenza di 2.435 mhp, oppure due 16V M94 che assicurano 2.638 mhp. Con quest’ultima la 960 arriva a toccare i 31 nodi di velocità di punta e 27 di crociera!

David Di Castro