Thunder, il taxi acqueo ibrido da 14 posti a Venezia

0
62
Thunder, il taxi acqueo ibrido

In una fase storica dove la sostenibilità ambientale è uno dei fattori determinanti per lo sviluppo economico, lo studio veneziano Nuvolari Lenard ha presentato il progetto di un avveniristico taxi acqueo ibrido che è in grado, grazie alle più moderne tecnologie, di preservare le acque della storica laguna offrendo allo stesso tempo finiture eleganti e dettagli ricercati.

Un contributo per risolvere il problema dell’inquinamento in Laguna

“Un’idea che assume una valenza quasi simbolica in un momento come quello che stiamo vivendo”, ha affermato Carlo Nuvolari, che ha aggiunto: “abbiamo la possibilità concreta di indirizzare le nostre scelte verso un modo di vivere più sostenibile e, in quest’ottica, la scelta di basare questo progetto su una motorizzazione ibrida è una componente fondamentale.”

Con l’ambizione di avere un forte impatto non solo sulla loro comunità veneziana, ma anche in tutto il mondo dello yachting, Carlo Nuvolari, il suo socio Dan Lenard e il team di Nuvolari Lenard hanno concretizzato la concezione, nata in occasione dell’edizione 2019 del Salone Nautico di Venezia, di un natante di lusso ibrido che potesse risolvere il problema dell’inquinamento in Laguna

Eleganza e sostenibilità

È nato così Thunder, il taxi acqueo ibrido da 14 posti, costruito dai Cantieri Vizianello di Venezia che ha sviluppato l’accoppiamento meccanico ed elettronico del sistema ibrido che, dopo un periodo di test di circa un anno, ha ottenuto la completa omologazione ed è ora commercializzabile. Thunder sfrutta una propulsione ibrida diesel elettrica, che utilizza il classico diesel nei viaggi regolari in acque aperte a velocità sostenuta, mentre quando il taxi torna a navigare nei canali di Venezia a basse velocità usa solo l’energia elettrica accumulata.

“Mentre la tecnologia di bordo è modernissima, abbiamo compiuto un grande sforzo per rispettare la tradizione stilistica dei classici taxi acquei per i quali Venezia è famosa: per questo il nuovo design utilizza tradizionali materiali in legno con l’aggiunta di alcuni ammodernamenti” ha continuato Nuvolari, che ha anticipato come lo studio abbia già ricevuto, come dimostrazione del livello di comfort e di qualità del progetto, la commessa da parte di un armatore di superyacht per un limousine tender di 9,2 metri.

Superare i confini del design e della tecnologia nell’ambito del trasporto marino è uno degli obiettivi che Nuvolari Lenard cerca di realizzare con i propri superyacht, yacht di serie e i progetti di tender custom. Una nuova sfida all’orizzonte è rappresentata dallo sviluppo di nuovo sistema propulsivo con celle a combustibile a idrogeno, una tecnologia molto pulita da sempre utilizzata in campo aerospaziale.