, ,

Torna l’appuntamento con la Venice Hospitality Challenge

Venice Hospitality Challenge

Venice Hospitality Challenge: tutto pronto per la sesta edizione

La VI edizione della Venice Hospitality Challenge, il Gran Premio della Città di Venezia, avrà luogo sabato 19 ottobre nel consueto bacino di San Marco, una location dal forte impatto in grado offrire grandi emozioni ai partecipanti e agli spettatori.

Splendidi maxi yacht in Laguna

L’interesse e il crescente successo di questa manifestazione unica al mondo è confermata dalla presenza in questa edizione di ben quattordici Maxi Yacht. Celebri imbarcazioni legate alle principali realtà dell’alta hôtellerie veneziana, e guidate da skipper di fama internazionale, si contenderanno il Cappello del Doge, premio realizzato appositamente dalla storica vetreria muranese Massimiliano Schiavon Art Team.

“Nata nel 2014 la Venice Hospitality Challenge ha superato brillantemente il suo primo lustro e sta solcando a piene vele la nostra laguna giungendo ora alla VI edizione. Far gareggiare imbarcazioni con una lunghezza minima di 60 piedi in un circuito cittadino è la peculiarità di questa regata spettacolare – sottolinea il Presidente dello Yacht Club Venezia Mirko Sguario, ideatore e organizzatore dell’evento – ed è per questo che amo l’appellativo di Gran Premio della Città di Venezia che quest’anno, cosa inconsueta per la nostra città, vedrà una vettura BMW posizionata nel bacino di San Marco come boa di percorso. Le passate edizioni hanno confermato la validità di questo evento che ogni anno fa giungere a Venezia il Gotha della vela e si avvale del sostegno di sponsor e media partner prestigiosi.”

L’impegno verso l’ambiente

La Venice Hospitality Challenge conferma anche quest’anno il suo impegno verso l’ambiente e in particolare nei confronti della salvaguardia dei mari: lo Yacht Club Venezia, promotore della regata, porta avanti i progetti della Fondazione One Ocean. Questo impegno, sottoscritto recentemente anche dal Comune di Venezia, consiste nel rispetto della Charta Smeralda, un codice etico innovativo che guida individui e organizzazioni verso comportamenti condivisi per la protezione dell’ambiente.

Inoltre in questa edizione l’abbigliamento degli equipaggi sarà realizzato con tessuti tecnici caratterizzati da un ridotto impatto ambientale, e nelle occasioni conviviali verranno usati piatti in ceramica e stoviglie in materiale biocompatibile. 

“Grazie a questa regata – ha affermato il Sindaco di Venezia Luigi Brugnaro – arriveranno qui in città delle persone che amano il mondo della vela e della nautica. E chi va in barca ha una sua educazione e un suo preciso codice di rispetto del mare ed è sempre il primo a raccogliere le bottiglie di plastica che galleggiano tra le onde. Grazie, quindi, a Mirko Sguario che crede in questo evento e scommette sulle cose belle, sulle eccellenze del mare come i Maxi Yacht della vela e agli hotel che condividono questa bellissima esperienza”.

Gli hotel partecipanti alla Venice Hospitality Challenge 2019 sono i seguenti: Hilton Molino Stucky Venice; Hotel Danieli, a Luxury Collection Hotel, Venice; Belmond Hotel Cipriani; SINA Centurion Palace; Palazzina; The Gritti Palace, a Luxury Collection Hotel, Venice; Ca’ Sagredo Hotel; Hotel Excelsior Venice Lido Resort; The St. Regis Venice; JW Marriott Venice & Resort Spa ai quali si aggiungono quest’anno Bauer Palazzo, San Clemente Palace Kempinski, Hotel Londra Palace e la partecipazione straordinaria della famiglia Alajmo, eccellenza della cucina italiana. 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *