,

Trussardi presenta Home Linen

Un omaggio alla creatività e al lifestyle della Maison Trussardi, in un mix di tradizione e contemporaneità. Così si presenta lo spirito con cui Mirabello Carrara, società che opera nel segmento Luxury del Gruppo Caleffi, presenta la nuova collezione Trussardi Home Linen.

Grazie ad un heritage centenario lo stile di Trussardi Casa raggiunge la sua massima espressione nelle lavorazioni più complesse e artigianali. Soluzioni giorno e notte uniche pensate per ambientazioni internazionali ed evolute. Una collezione made in Italy rivolta ad una platea cosmopolita, giovane, sensibile al fascino di un design minimale ma nello stesso tempo ben definito.

Una collezione elegante e urban chic in cui il gusto, l’esperienza e la creatività danno vita a prodotti esclusivi, per una casa sofisticata e chic. I filati sono rigorosamente selezionati, rasi e lane impreziositi da una lavorazione raffinata. Fantasie glam e originali grafismi per cromie eleganti e discrete. La Collezione presenta completi letto e copripiumini, trapunte e copriletti leggeri per una camera ricercata e di grande stile, plaid e cuscini per arredare con gusto la zona living, accappatoi e set spugne in morbido cotone.

Un design contemporaneo, per una Primavera Estate all’insegna della ricercatezza tipica della Maison. I temi cari a Trussardi – come il Velodromo, Palazzo Trussardi e Gloves – sono reinterpretati in una serie di grafiche dallo spirito urbano e contemporaneo, che restituiscono la bicicletta, l’edificio della Maison e i guanti in pelle sotto forma di pattern jaquard stampati su preziosi rasi di cotone, misti cachemire e lane.

La palette dei colori, delicata ed elegante, comprende toni neutri e tenui a cui si affiancano sfumature più intense e profonde. Turchese, arancio e azzurro polvere si mescolano al bianco, al grigio perla, al cuoio, alle tonalità calde e ai blu in un cocktail raffinato, espressivo e vivace, evocativo e contemporaneo allo stesso tempo.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *