,

VENETIÆ, la nuova fragranza di Locherber Milano dedicata alla città dei dogi

VENETIAE Locherber

Un omaggio alla città di Venezia ed alle sue tradizioni. Il fascino e le tradizioni della Laguna più famosa del mondo, rivivono  in “VENETIÆ”, il nuovo ed esclusivo progetto di Locherber Milano.

“VENETIÆ” non è “solo” una nuova fragranza ispirata alla città lagunare: è un pezzo di storia e di cultura veneziana, è un regalo a una delle sue più antiche tradizioni che diventa oggetto raro e raffinato grazie alla sapiente lavorazione artigianale e al design elegante.

Dal recupero delle “briccole” (i pali che gli abitanti della laguna, da migliaia di anni, utilizzano per delimitare i canali navigabili e regolare il traffico marittimo) nasce, infatti, il nuovo tappo T2 le cui linee, ispirate agli antichi capitelli classici a cubo sgusciato, sono ormai un’icona per Locherber Milano.

Questi pali, generalmente in legno di quercia, immersi per anni nelle acque salmastre della laguna, subiscono l’erosione della teredine (Teredeo Navalis), un mollusco che si nutre di legno e per questo, sin dall’antichità, terrore di tutti i naviganti, essendo in grado di distruggere in poco tempo strutture portuali e scafi di imbarcazioni.

Ma sono proprio gli attacchi delle teredini a rendere le “briccole” esauste una materia originale, che plasmata da mani esperte, attraverso un meticoloso processo di lavorazione artigianale, dà vita ad autentici capolavori: pezzi unici, veri gioielli di artigianalità che raccontano una storia affascinante e irripetibile e fanno rivivere l’atmosfera di un mito.

Il nuovo tappo Briccole è un dettaglio prezioso per l’elegante flacone in vetro blu verniciato a mano che fa del diffusore un oggetto di design ricercato ed esclusivo.

Fresca come la brezza marina, sensuale come le spezie orientali che i mercanti della Serenissima portarono in Europa: “VENETIÆ” racconta anche attraverso il profumo il fascino di una città unica al mondo.

Una fragranza che si apre con note iodate e agrumate (bergamotto e limone), si evolve in aromi floreali (lavanda) e mediterranei (mirto e alghe marine) e si chiude in un finale legnoso e muschiato.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *