,

Vivi Made in Italy, progetto per esaltare le eccellenze italiane

vivimadeinitaly

Vivi Made in Italy, una vetrina per le eccellenze italiane

Esaltare le eccellenze del made in Italy, attraverso vetrine specializzate in vari settori. È stata questa l’idea di una start up che ha creato Vivi Made in Italy, progetto innovativo con la missione di scovare le eccellenze italiane e portare la loro produzione alla ribalta.

Vivi Made in Italy, è un portale che intende sensibilizzare i consumatori italiani, ma non solo, creando un network che metta in connessione aziende, buyer e consumatori. Ma non deve essere considerati solo un sito internet. È, infatti, un progetto ben più complesso. Alla base dell’idea portata avanti da Sabina Petrazzuolo e Giovanna D’Aponte, c’è una filosofia e un approccio nel lavoro che ricalca le orme della produzione Made in Italy attraverso qualità, creatività e attenzione ai dettagli.

Come funziona Vivi Made in Italy

Il progetto di Vivi Made in Italy, è nato con l’intento di costruire un posto fisico che mettesse in connessione Aziende Italiane, Consumatori e Buyer. L’idea risale a qualche anno fa, ma le due co-founder ci lavorano assiduamente dall’inverno scorso, dopo una serie di analisi, ricerche di mercato e questionari sottoposti ad aziende, consumatori e buyer è stato chiaro che quello che mancava fosse proprio un modo fluido e diretto per entrare in connessione tra loro.

Da qui è nata l’idea dello Showroom virtuale, uno spazio espositivo dove è possibile navigare e conoscere i brand aderenti al circuito attraverso delle vetrine, suddivise per categorie.

I settori interessanti sono: moda, arredo, enogastronomia, cosmesi e accoglienza, quelli che rendono riconosciuto e riconoscibile il Made in Italy in tutto il mondo.

Ogni azienda ha il proprio spazio espositivo all’interno del quale sono indicati prodotti iconici, storia e contatti del brand per agevolare il percorso d’acquisto e di conoscenza con queste nuove realtà.

“Anche i buyer assumono un ruolo fondamentale per il progetto”, spiega Sabina Petrazzuolo “con loro abbiamo stretto una sinergia per metterli in contatto direttamente con le aziende aderenti al circuito”.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *